Italia markets open in 3 hours 39 minutes
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    +132,77 (+0,99%)
     
  • Nikkei 225

    30.153,30
    +481,60 (+1,62%)
     
  • EUR/USD

    1,2179
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    41.300,66
    -350,71 (-0,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.003,07
    -11,85 (-1,17%)
     
  • HANG SENG

    30.356,40
    +638,16 (+2,15%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     

Greggio in rialzo, guadagni limitati da misure di lockdown

·1 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera a Scheibenhard, vicino Strasburgo, in Francia

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo, con il nervosismo relativo all'offerta e il nuovo pacchetto di stimoli Usa che bilanciano i timori per i danni alla domanda di carburante causati dall'estensione dei lockdown volti a frenare un balzo di contagi da Covid-19.

Alle 11,40 i futures marzo sul Brent sono in rialzo di 37 centesimi, o lo 0,7%, a 55,78 dollari al barile. Il contratto Usa con analoga scadenza avanza di 41 centesimi, o lo 0,8%, a 52,68 dollari al barile.

L'Indonesia ha comunicato ieri che la guardia costiera ha sequestrato le imbarcazioni MT Horse, iraniana, e MT Freya, di Panama, per sospetti trasferimenti illegali di carburante, alimentando le prospettive di maggiori tensioni nell'area del Golfo.

"Uno sviluppo che apporta sempre beneficio ai prezzi è la turbolenza di mercato causata dai conflitti", ha detto Bjornar Tonhaugen, head of oil markets presso Rystad Energy.

La guardia petrolifera libica ha bloccato le esportazioni da alcuni dei porti principali a causa di controversie di pagamento, mentre la produzione nel giacimento kazako Tengiz, il secondo del Paese, è stata interrotta a causa di un'interruzione di corrente il 17 gennaio.

Negli Stati Uniti, nel frattempo, i deputati sono pronti a discutere dell'ammontare del pacchetto di aiuti contro il coronavirus da 1.900 miliardi di dollari proposto dal nuovo presidente Joe Biden.

La Cina ha registrato un aumento dei nuovi casi di Covid-19, gettando un'ombra sulle prospettive per la domanda da parte del primo consumatore di energia al mondo, colonna portante del consumo di petrolio a livello globale.