Italia Markets open in 36 mins

Greggio in rialzo, investitori guardano a stime aumento domanda seconda metà 2021

di Shadia Nasralla
·2 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera a Scheibenhard, vicino Strasburgo, in Francia

di Shadia Nasralla

(Reuters) - I prezzi del petrolio scambiano in rialzo per l'ottimismo sulle misure di stimolo dei governi e per l'aumento della domanda che riduce i timori che nuove misure restrittive contro la pandemia possano far diminuire il consumo di carburante.

L'Agenzia internazionale per l'energia (AIE) ha tagliato le stime sulla domanda di petrolio nel 2021, ma ha indicato una ripresa nella seconda metà dell'anno a una media annua di 96,6 milioni di barili al giorno.

"Chiusura delle frontiere, misure di distanziamento sociale e lockdown ... continueranno a limitare la domanda di carburante fino a quando i vaccini non saranno più ampiamente distribuiti, molto probabilmente solo entro la seconda metà dell'anno", si legge nel rapporto mensile dell'AIE.

Alle 11,25 ore italiane, i futures sul Brent con scadenza a marzo sono in rialzo di 6 centesimi a 55,35 dollari al barile. I futures sul greggio Usa CLc1 guadagnano 13 centesimi a 52,49 dollari al barile.

"La percezione è che qualunque tipo di ritracciamento sarà rapido poiché è improbabile che la fiducia nella ripresa della domanda economica e petrolifera svanisca", hanno affermato gli analisti di PVM in una nota.

Gli investitori sono ottimisti sulla domanda di petrolio in Cina, il principale importatore di greggio al mondo, dopo che i dati di ieri hanno mostrato come la produzione della raffineria sia aumentata del 3%, raggiungendo un nuovo record nel 2020.

Gli investitori tengono d'occhio i dati API sulle scorte di greggio statunitensi attesi per oggi. Domani, nel suo discorso di insediamento alla Casa bianca, probabilmente il presidente Joe Biden fornirà maggiori dettagli sul piano di misure di stimolo del valore di 1.900 miliardi di dollari.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, r.plantera@thomsonreuters.com, +48 58 769 65 79)