Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,72 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,83 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,17 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,04 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    43.406,86
    -275,73 (-0,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.783,90
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1312
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,21 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8540
    +0,0046 (+0,54%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4505
    +0,0033 (+0,23%)
     

Greggio in rialzo ma sotto pressione a causa di fattori legati a domanda e offerta

·1 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera a Guthrie, in Oklahoma, Stati Uniti

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono rialzo ma restano sotto pressione a causa dell'aumento dei casi di Covid-19 in Europa e del potenziale rilascio delle riserve di greggio giapponesi, dando vita a timori relativi all'eccesso di offerta e alla scarsità di domanda.

Alle 11,50 il Brent avanza di 0,19% a 79,05 dollari a barile, mentre il greggio Usa guadagna lo 0,21% a 76,10 dollari

La prospettiva di nuovi lockdown in Europa ha risvegliato i timori relativi alla crescita economica e alla domanda di petrolio, secondo Tomas Varga, analista di Pvm Oil Associates.

Il dollaro scambia in rialzo sui massimi di 16 mesi contro l'euro, rendendo il greggio denominato in dollari più costoso per i detentori di altre valute.

Nel frattempo la prospettiva del rilascio di parte delle riserve strategiche di greggio, ha tenuto sotto pressione i prezzi, mantenendo il greggio sotto la soglia psicologica degli 80 dollari a barile.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato sabato di essere pronto a contribuire allo sforzo per contrastare la crescita dei prezzi del greggio, dopo la richiesta da parte degli Usa di liberare le riserve di emergenza.

Il rilascio combinato delle riserve strategiche potrebbe portare sul mercato tra i 100 e i 120 milioni di barili di petrolio, o anche di più, secondo una nota degli analisti Citi datata 19 novembre. La cifra include tra i 45 e i 60 milioni di barili da parte degli Usa, 30 milioni dalla Cina, 5 milioni di barili dall'India e 10 milioni ciascuno da Giappone e Corea del Sud, stando alle stime della banca.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli