Italia markets open in 1 hour 8 minutes
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,40 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,12 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.149,36
    +200,63 (+0,69%)
     
  • EUR/USD

    1,2114
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    32.636,39
    +3.499,74 (+12,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    985,24
    +43,43 (+4,61%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,23 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     

Greggio in rialzo ma verso perdita settimanale su colloqui nucleare iraniano

·1 minuto per la lettura
Una miniatura di una pompa petrolifera sopra a una banconota da un dollaro statunitense

SINGAPORE (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo dopo tre giorni di perdite, ma sono indirizzati a chiudere la settimana in calo, con gli investitori che si preparano al ritorno delle forniture di greggio iraniane dopo i recenti progressi nell'accordo sul nucleare.

Alle 12,05 circa, i futures sul Brent scambiano in rialzo di 69 cent, ovvero ​​​​​​​​​dell’​​​​​​​​​1,08%, a 65,80​ dollari al barile, mentre il greggio Usa avanza di ​78 cent, o ​​​​​​​​​​dell’​​​​​​​​​​​​​​​1,26​%, a 62,72 dollari al barile.

I due contratti sono sulla buona strada per registrare una perdita di oltre il 4% per la settimana -- il calo peggiore da marzo -- dopo che il presidente iraniano ha detto che gli Stati Uniti sono pronti a revocare le sanzioni sui settori petrolifero, bancario e marittimo del Paese.

L'Iran e le potenze mondiali sono in trattative da aprile per rilanciare l'accordo del 2015 e il funzionario dell'Unione europea che ha guidato le discussioni mercoledì si è detto fiducioso nel raggiungimento di un accordo.

JPMorgan si aspetta che la produzione iraniana di greggio e condensati salga a 3,2 milioni di barili al giorno in dicembre, da circa 2,8 milioni nel primo trimestre.

Gli investitori rimangono comunque ottimisti sulla ripresa della domanda di carburante quest'estate, con i programmi di vaccinazione in Europa e negli Stati Uniti che consentiranno a più persone di viaggiare, sebbene l'aumento dei casi in alcune parti dell'Asia stia destando preoccupazione.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)