Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.409,81
    -1.257,05 (-6,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0003
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Greggio in rialzo, offerta contratta eclissa timori Covid-19 in Cina, recessione

Due pompe petrolifere a Ahmedabad, in India

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio guadagnano terreno data la contrazione dell'offerta a livello globale, che ha eclissato i timori per la domanda di carburante in seguito all'impatto di una possibile recessione e di nuove restrizioni contro il Covid-19 in Cina.

Intorno alle ore 10,55 italiane, i futures sul Brent guadagnano 96 centesimi, o lo 0,8%, a 123,23 dollari il barile, mentre i futures sul greggio Usa balzano di 93 centesimi, o dello 0,8%, a 121,86 dollari il barile.

La scarsità dell'offerta è stata aggravata dal calo delle esportazioni dalla Libia a causa di una crisi politica che ha colpito la produzione e i porti.

Altri produttori Opec+ faticano a raggiungere le loro quote di produzione e la Russia è alle prese con il divieto di esportazione del greggio a causa della guerra in Ucraina.

UBS ha alzato le proprie previsioni per il prezzo del Brent a 130 dollari il barile entro la fine di settembre e a 125 dollari per i tre trimestri successivi, rispetto ai 115 dollari stimati in precedenza.

Il mercato attende oggi i dati settimanali Api sulle scorte statunitensi e i dati Eia previsti domani, per comprendere la gravità della carenza di greggio e carburante.

Sei analisti intervistati da Reuters prevedono che le scorte di greggio statunitensi sono diminuite di 1,2 milioni di barili nella settimana fino al 3 giugno, stimando invece un aumento di circa 800.000 barili per le scorte di benzina, mentre le scorte di distillati dovrebbero essere invariate.

Sul fronte della domanda, l'ultimo focolaio di Covid-19 in Cina, riconducibile a un bar di Pechino, ha alimentato i timori per nuovi lockdown, poco dopo la revoca delle restrizioni nel Paese, a danno della potenziale ripresa della domanda di carburante.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli