Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.113,22
    +552,07 (+2,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0034 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0771
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    +0,0119 (+0,77%)
     

Greggio in rialzo su attese colloqui Opec+ per estendere tagli produzione

·2 minuto per la lettura
Una pompa TORC Oil & Gas vicino a Granum, Alberta

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo sulle previsioni che i maggiori produttori di petrolio raggiungeranno un accordo per estendere i tagli alla produzione che sono serviti a sostenere i prezzi, durante una videoconferenza prevista questa settimana.

Alle 11,20 italiane i futures sul Brent sono in rialzo del 2,7%, o 1,03 dollari a 39,35 dollari al barile. I futures sul greggio Usa(Wti) avanzano del 2,6%, o 91 centesimi, a 36,35 dollari al barile.

Il Brent ha registrato un raddoppio nelle ultime sei settimane grazie ai tagli delle forniture da parte dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e i Paesi produttori alleati, tra cui la Russia, gli Opec+.

I prezzi del petrolio sono tuttavia ancora in calo del 40% dall'inizio dell'anno.

I produttori dell'Opec+ stanno prendendo in considerazione la possibilità di estendere i tagli alla produzione stabiliti a 9,7 milioni di barili al giorno, che equivalgono al 10% della produzione globale, fino a luglio o agosto, durante un vertice online che si terrà probabilmente il 4 giugno.

"Molto probabilmente l'Opec+ potrebbe estendere i tagli attuali fino all'1 settembre, fissando precedentemente un meeting che permetterà di decidere i passi successivi", ha dichiarato l'head of commodity research di Citi Edward Morse.

Secondo il piano Opec+ originale, i tagli erano stati stabiliti per i mesi di maggio e giugno, con una successiva riduzione dei tagli a 7,7 milioni di barili al giorno da luglio a dicembre. Secondo alcune fonti l'Arabia Saudita ha fatto pressione per mantenere i tagli iniziali più a lungo.

A pesare sui prezzi sono le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti riguardo alla legge in materia di sicurezza nazionale approvata da Pechino e che riguarda Hong Kong, così come i dati sulla produzione industriale di ieri che mostrano che il comparto industriale mondiale è ancora in sofferenza.