Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    38.947,78
    -121,45 (-0,31%)
     
  • Nasdaq

    16.025,36
    +49,11 (+0,31%)
     
  • Nikkei 225

    39.239,52
    +5,81 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0850
    -0,0004 (-0,03%)
     
  • Bitcoin EUR

    52.494,50
    +2.684,65 (+5,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.790,80
    +156,06 (+0,94%)
     
  • S&P 500

    5.073,26
    +3,73 (+0,07%)
     

Greggio in rialzo su calo scorte greggio Usa, speranze stimolo Cina

Un martinetto di pompaggio del petrolio greggio nel bacino di Permian, nella contea di Loving.

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio guadagnano terreno dopo che i dati sulle scorte di greggio degli Stati Uniti hanno mostrato un calo superiore alle attese, mentre il taglio del coefficiente di riserva delle banche da parte della banca centrale cinese ha rafforzato le speranze di ulteriori misure di stimolo.

Intorno alle ore 11,15 italiane, i futures sul greggio Brent scambiano in rialzo di 1,21 dollari, o dell'1,5%, a 81,27 dollari il barile, mentre il greggio statunitense West Texas Intermediate guadagna 1,26 dollari, o l'1,7%, a 76,34 dollari il barile.

Le scorte di greggio degli Stati Uniti sono calate di 9,2 milioni di barili la scorsa settimana, in base ai dati Eia, laddove gli analisti in un sondaggio Reuters avevano previsto un calo di 2,2 milioni di barili.

Il calo è stato determinato da una forte diminuzione delle importazioni di greggio negli Stati Uniti a causa del maltempo invernale che ha bloccato le raffinerie e ridotto il traffico sulle strade.

I prezzi del petrolio hanno tratto sostegno anche dalle speranze di ripresa economica della Cina.

La banca centrale cinese ha annunciato ieri un profondo taglio delle riserve bancarie, con un'operazione che inietterà circa 140 miliardi di dollari di liquidità nel sistema bancario e invierà un forte segnale di sostegno a un'economia fragile e a mercati azionari in calo.

Le tensioni geopolitiche in Medio Oriente sono rimaste al centro dell'attenzione: nell'ultimo incidente marittimo, la società svedese Maersk ha detto che le esplosioni nelle vicinanze hanno costretto due navi gestite dalla propria controllata statunitense e che trasportavano rifornimenti militari statunitensi a tornare indietro mentre transitavano nello stretto di Bab al-Mandab, al largo dello Yemen.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)