Italia markets close in 1 hour 26 minutes
  • FTSE MIB

    22.453,89
    +72,54 (+0,32%)
     
  • Dow Jones

    30.814,30
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.242,21
    -276,97 (-0,97%)
     
  • Petrolio

    52,36
    0,00 (0,00%)
     
  • BTC-EUR

    30.161,87
    +278,36 (+0,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    707,39
    -27,75 (-3,77%)
     
  • Oro

    1.832,60
    +2,70 (+0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,2076
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.862,77
    +288,91 (+1,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,58
    +0,03 (+0,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8898
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0755
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5413
    +0,0040 (+0,26%)
     

Greggio in rialzo su calo scorte Usa e dopo tagli output Arabia Saudita

·1 minuto per la lettura
Una miniatura di una pompa petrolifera sopra a una banconota da un dollaro

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo, sostenuti ulteriormente da un calo delle scorte di prodotti raffinati negli Usa, in seguito alla decisione dell'Arabia Saudita di ridurre l'output per i prossimi due mesi.

Alle 10,40 i futures sul Brent guadagnano 5 centesimi, o lo 0,1%, a 54,35 dollari al barile. I futures sul greggio Usa sono in rialzo di 23 centesimi, o lo 0,5% a 50,86 dollari al barile.

Secondo gli analisti contribuisce a sostenere i prezzi anche l'indebolimento del dollaro che rende il petrolio più economico per i detentori di altre valute, dato che la materia prima è solitamente scambiata in dollari.

I dati pubblicati ieri dall'Eia mostrano un calo delle scorte di petrolio e un aumento delle riserve di carburante.

Nella settimana conclusasi il primo gennaio le scorte di greggio sono scese di 8 milioni di barili a 485,5 milioni di barili, contro le attese degli analisti di un sondaggio Reuters che stimavano una flessione pari a 2,1 milioni di barili.

La riduzione delle riserve di petrolio è un evento ricorrente alla fine dell'anno, con le aziende energetiche che rimuovono il petrolio dallo stoccaggio per evitare maggiori tasse.

Ubs ha rivisto le previsioni sul prezzo del Brent al rialzo a 60 dollari al barile entro metà anno, citando come motivazione la decisioni presa dall'Arabia Saudita di ridurre la produzione.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)