Italia markets close in 12 minutes
  • FTSE MIB

    25.633,44
    +143,22 (+0,56%)
     
  • Dow Jones

    34.992,78
    +200,11 (+0,58%)
     
  • Nasdaq

    14.871,82
    +91,29 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    27.728,12
    +144,04 (+0,52%)
     
  • Petrolio

    68,60
    +0,45 (+0,66%)
     
  • BTC-EUR

    33.162,73
    -314,80 (-0,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    978,63
    +2,73 (+0,28%)
     
  • Oro

    1.805,50
    -9,00 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1844
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    4.420,88
    +18,22 (+0,41%)
     
  • HANG SENG

    26.204,69
    -221,86 (-0,84%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.160,75
    +15,85 (+0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0024 (-0,28%)
     
  • EUR/CHF

    1,0735
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    -0,0059 (-0,40%)
     

Greggio in rialzo su previsioni calo scorte

·1 minuto per la lettura
Pompe petrolifere a Midland, in Texas

di Noah Browning

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo e recuperano in gran parte le perdite registrate ieri, sostenuti da forniture limitate e dalle attese di un ulteriore calo delle scorte negli Usa e nel mondo, sebbene i guadagni siano limitati dai timori per le nuove varianti del virus.

Alle 11,20 i futures sul Brent per il mese di settembre avanzano di 54 centesimi, o lo 0,7%, a 75,70 dollari al barile dopo avere ceduto ieri lo 0,5%.

I futures sul greggio Usa per il contratto di agosto si attestano a 74,64 dollari al barile, in rialzo di 56 centesimi, o lo 0,8%, dopo aver archiviato ieri la sessione in calo dello 0,8%.

Un sondaggio preliminare condotto da Reuters ha previsto che le scorte di petrolio scenderanno ancora per l'ottava settimana consecutiva, insieme alle riserve di benzina.

Il presidente russo Vladimir Putin e l'omologo statunitense Joe Biden non hanno discusso delle questioni legate al greggio Opec+ nel corso di una telefonata lunga un'ora che si è tenuta venerdì, secondo quanto comunicato dal Cremlino.

Secondo delle fonti interne all'Opec+ è improbabile che il gruppo tenga una riunione questa settimana, poiché non è stato ancora possibile appianare le divergenze tra Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti che non hanno permesso di raggiungere un accordo per incrementare l'output.

Alcuni investitori restano tuttavia cauti a causa delle notizie, provenienti da tutto il mondo, di un aumento dei contagi da coronavirus.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Stefano Bernabei, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli