Italia markets open in 8 hours 58 minutes
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2041
    +0,0061 (+0,51%)
     
  • BTC-EUR

    46.762,14
    -275,22 (-0,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.273,66
    -25,30 (-1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     

Greggio in rialzo su timori che blocco canale Suez possa durare settimane

·1 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera presso un giacimento a Midland

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio avanzano di circa il 2%, rimbalzando sui timori che la rimozione della gigante portacontainer che blocca il canale di Suez possa richiedere settimane, con una conseguente riduzione delle forniture di greggio e prodotti raffinati.

I prezzi si avviano comunque ad archiviare la terza settimana consecutiva in ribasso, dopo aver concluso la scorsa con una flessione di oltre il 6%, con le prospettive per la domanda penalizzate da nuovi lockdown contro il coronavirus in Europa.

Alle 13,10 i futures sul Brent guadagnano 1,18 dollari, o l'1,9%, a 63,13 dollari al barile, dopo aver ceduto ieri il 3,8%.

I futures sul greggio Usa salgono di 1,25 dollari, o il 2,1%, a 59,81 dollari al barile, dopo essere crollati del 4,3% nella sessione precedente.

Le autorità egiziane del Canale di Suez hanno detto che le operazioni di rimozione della nave cargo arenata riprenderanno una volta terminate quelle di dragaggio, completate finora all'87%.

L'azienda che si sta occupando del recupero ha detto ieri che potrebbero volerci settimane per rimuovere la nave.

I mercati petroliferi sono inoltre sostenuti dai timori di un crescente rischio geopolitico in Medio Oriente. Le forze ribelli Houthi in Yemen hanno detto di aver lanciato attacchi ad alcuni stabilimenti di proprietà di Saudi Aramco.

Contribuiscono a sostenere i prezzi anche le attese che l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e i loro alleati manterranno probabilmente invariati i tagli alla produzione.