Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,29
    +0,68 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    33.974,52
    +1.330,79 (+4,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.790,10
    -3,00 (-0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,1158
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8316
    -0,0012 (-0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0369
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4221
    +0,0033 (+0,23%)
     

Greggio in rialzo in vista riunione Opec+

·1 minuto per la lettura
Un oleodotto del Strategic Petroleum Reserve a Freeport, in Texas

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo e recuperano le perdite registrate ieri, con gli investitori che rivedono le posizioni in attesa della decisione dell'Opec relativa all'offerta, sebbene i guadagni siano limitati dai timori che la nuova variante del coronavirus possa intaccare la domanda.

Alle 12,40 i futures sul Brent avanzano di 1,01 dollari, o l'1,5%, a 69,88 dollari al barile dopo aver ceduto lo 0,5% nella seduta precedente.

I futures sul greggio Usa guadagnano 1,42 dollari, o lo 0,9%, a 66,50 dollari, dopo un calo dello 0,9% ieri.

I prezzi del petrolio hanno ceduto oltre 10 dollari la barile dallo scorso giovedì, quando la notizia della nuova variante Omicron ha messo in subbuglio i mercati.

L'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e gli alleati, gruppo conosciuto come Opec+, potrebbero decidere oggi se rilasciare maggiori forniture sul mercato come da piani originali o se limitare l'offerta.

La riunione del gruppo inizierà alle 14,00.

I timori relativi alla variante Omicron sono aumentati in seguito all'individuazione del primo caso negli Stati Uniti.

Il sottosegretario per l'Energia degli Stati Uniti, David Turk, ha detto che l'amministrazione del presidente Joe Biden potrebbe rivedere la tabella di marcia per il rilascio delle riserve strategiche se i prezzi globali dell'energia dovessero scendere in maniera sostanziale.

I guadagni sui mercati petroliferi sono stati limitati a causa dei dati relativi alle riserve di greggio negli Stati Uniti, che hanno registrato una flessione inferiore alle attese con l'indebolimento della domanda. [EIA/S]

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli