Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.099,44
    +152,45 (+0,49%)
     
  • Nasdaq

    11.175,64
    -5,90 (-0,05%)
     
  • Nikkei 225

    26.804,60
    -244,87 (-0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0447
    -0,0078 (-0,74%)
     
  • BTC-EUR

    19.224,02
    -390,59 (-1,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    432,96
    -6,70 (-1,52%)
     
  • HANG SENG

    21.996,89
    -422,08 (-1,88%)
     
  • S&P 500

    3.823,17
    +1,62 (+0,04%)
     

Greggio, salgono costi piattaforme offshore su ripresa da pandemia e corsa a sostituire petrolio russo

La miniatura di alcuni barili di greggio davanti a un grafico

OSLO (Reuters) - Le tariffe di noleggio degli impianti di trivellazione offshore per petrolio e gas sono aumentate vertiginosamente, spinte dalla corsa all'aumento della produzione a causa della guerra in Ucraina e dalla ripresa della domanda dopo la pandemia Covid-19.

Le aziende che si occupano di trivellazione sono ora in una posizione più forte e possono richiedere tariffe giornaliere più elevate per le attrezzature, dopo diversi anni di magra che hanno portato a un'ondata di fusioni e le hanno spinte a rottamare gli impianti più vecchi, lasciandone meno a disposizione ora che la domanda è in ripresa.

I costi giornalieri per il noleggio di un impianto di perforazione, noti come tariffe giornaliere, sono aumentati più rapidamente per le attrezzature utilizzate per le acque profonde nel "Triangolo d'oro", dal Golfo del Messico statunitense all'offshore dell'Africa occidentale e del Brasile.

"Le tariffe stanno aumentando rapidamente, soprattutto in Africa occidentale", ha detto Cinnamon Edralin, responsabile dell'analisi del mercato degli impianti di perforazione di Esgian, con sede a Oslo. "L'anno scorso eravamo a 200.000 dollari, quest'anno siamo saldamente sui 300.000 dollari e ci stiamo dirigendo rapidamente verso i 400.000".

Il conflitto in Ucraina ha contribuito a far salire la domanda di impianti di perforazione mentre gli Stati Uniti, l'Europa e altri alleati cercano alternative alle forniture russe di petrolio e gas. L'Unione europea vuole porre fine all'utilizzo di idrocarburi russi entro il 2027.

Seadrill, azienda specializzata in offshore, ha scritto nella relazione trimestrale che l'attività sulla piattaforma continentale norvegese, una fonte vitale di gas per l'Europa, dovrebbe aumentare nel 2023, grazie agli incentivi fiscali e all'"attenzione alla sicurezza energetica".

(Tradotto da Michela Piersimoni, editing Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli