Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.612,16
    +224,29 (+1,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0672
    -0,0013 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5515
    -0,0035 (-0,23%)
     

Greggio, sciopero operai Norvegia potrebbe impattare produzione in sei campi - Nog

·1 minuto per la lettura
Una panoramica del campo petrolifero Johan Sverdrup, gestito da Equinor nel Mar del Nord in Norvegia
Una panoramica del campo petrolifero Johan Sverdrup, gestito da Equinor nel Mar del Nord in Norvegia

OSLO (Reuters) - L'inasprimento dello sciopero degli operai su piattaforme petrolifere offshore in Norvegia potrebbe influenzare la produzione in sei giacimenti, con una produzione complessiva di 330.000 barili di greggio equivalente al giorno.

Lo comunica la Norwegian Oil and Gas Association (Nog).

I sei campi petroliferi rappresentano circa l'8% della produzione petrolifera totale del paese.

Il sindacato dei lavoratori norvegesi Lederne ha detto due giorni fa che intensificherà lo sciopero a partire dal 4 ottobre, dopo che dozzine di lavoratori hanno incrociato le braccia nel campo petrolifero Johan Sverdrup, il più grande in Europa occidentale.

La Nog ha detto che lo sciopero potrebbe portare allo stop dei campi Gudrun, Gina Krog, Kvitebjoern e Gjoea, dove è ora in corso, insieme ai campi associati di Valemon e Vega.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)