Italia markets open in 25 minutes
  • Dow Jones

    33.852,53
    +3,07 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    10.983,78
    -65,72 (-0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.968,99
    -58,85 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0357
    +0,0022 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    16.302,44
    +275,39 (+1,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    400,92
    +12,19 (+3,14%)
     
  • HANG SENG

    18.542,38
    +337,70 (+1,86%)
     
  • S&P 500

    3.957,63
    -6,31 (-0,16%)
     

Greggio stabile sotto 100 $ a barile, investitori valutano dati Cina

Una pompa petrolifera a Midland, Texas

LONDRA (Reuters) - Prezzi del petrolio stabili vicino a 100 dollari al barile, supportati dalla debolezza del biglietto verde e dalla ripresa delle importazioni di greggio della Cina che rispondono ai rinnovati timori sulla domanda legati alle rigide politiche anti Covid del Paese.

Intorno alle 12,00 i futures sul Brent sono in rialzo di 1 centesimo, o dello 0,01%, a 98,58 dollari al barile. Il greggio statunitense West Texas Intermediate (Wti) è a 92,58 dollari al barile, in calo di 3 centesimi, o dello 0,03%.

Entrambi i contratti sono scesi di oltre 1 dollaro al barile all'inizio della seduta dopo che le autorità sanitarie cinesi hanno ribadito nel fine settimana il proprio impegno per un rigido approccio di contenimento del Covid, vanificando le speranze di un rimbalzo della domanda di petrolio del principale importatore di greggio del mondo.

Mentre le importazioni e le esportazioni della Cina si sono inaspettatamente contratte a ottobre, le importazioni di greggio rimbalzano al livello più alto da maggio.

Il dollaro statunitense è in calo rispetto all'euro, mentre la sterlina è supportata da un sentiment di rischio e da un rally nei mercati azionari europei.

I prezzi del petrolio sono sostenuti dalle attese di una minore disponibilità di scorte poiché l'embargo dell'Unione europea sulle esportazioni di greggio via mare della Russia inizierà il 5 dicembre, anche se le raffinerie di tutto il mondo stanno incrementando la produzione.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)