Italia markets close in 1 hour 26 minutes
  • FTSE MIB

    24.031,78
    +155,70 (+0,65%)
     
  • Dow Jones

    31.997,30
    +68,68 (+0,22%)
     
  • Nasdaq

    11.304,34
    +39,89 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.677,80
    -70,34 (-0,26%)
     
  • Petrolio

    110,46
    +0,69 (+0,63%)
     
  • BTC-EUR

    27.825,69
    +484,77 (+1,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    660,76
    -10,24 (-1,53%)
     
  • Oro

    1.848,80
    -16,60 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0672
    -0,0065 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    3.952,39
    +10,91 (+0,28%)
     
  • HANG SENG

    20.171,27
    +59,17 (+0,29%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.667,75
    +20,19 (+0,55%)
     
  • EUR/GBP

    0,8513
    -0,0050 (-0,58%)
     
  • EUR/CHF

    1,0270
    -0,0040 (-0,39%)
     
  • EUR/CAD

    1,3695
    -0,0062 (-0,45%)
     

Greggio tocca max da ottobre 2014 per incendio oleodotto in Turchia, timori offerta

·2 minuto per la lettura
Una pompa petrolifera Midland, in Texas

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio crescono per il quarto giorno consecutivo, con il flusso di gas tra Iraq e Turchia che ha subito dei rallentamenti a causa di un incendio in un oleodotto nell'area, aumentando i timori dovuti ad aspettative di una scarsa produzione.

Alle 12,17 il Brent avanza di 0,87% a 88,27 dollari a barile, che fa seguito al rialzo di 1,2% registrato nella sessione di ieri. Il contratto ha toccato i massimi dal 13 ottobre 2014, a 89,05 dollari a barile.

I futures sul greggio Usa avanzano di 1,19% a 86,45 dollari a barile, dopo aver toccato 87,08 dollari a barile, ai massimi dal 9 ottobre 2014.

L'esplosione che ha scatenato l'incendio dell'oleodotto nella provincia turca di Kahramanmaras nel sud-est del paese, è stato causato dal crollo di un pilone della rete elettrica e non da un attacco, secondo una fonte interna ai servizi di sicurezza.

L'oleodotto trasporta il greggio dall'Iraq, secondo maggiore produttore dell'Opec, fino al porto turco di Ceyhan per l'esportazione.

Gli analisti prevedono un'offerta di greggio scarsa nel 2022, in parte a causa della contrazione della domanda dovuta alla diffusione della variante Omicron del coronavirus, con alcune stime che vedono i prezzi crescere fino a 100 dollari a barile.

I timori relativi alla sicurezza che riguardano la Russia, secondo maggiore produttore mondiale di greggio, e gli Emirati Arabi, terzo produttore Opec, si aggiungono ai timori di scarsità dell'offerta.

Nel frattempo i paesi dell'Opec+, gruppo che comprende gli Stati membri dell'Opec ed altri produttori tra cui la Russia, stanno mostrando difficoltà nel raggiungere l'obiettivo mensile di un aumento della produzione di greggio di 400.000 barili al giorno.

Alcuni funzionari Opec hanno detto a Reuters che il rally del greggio potrebbe proseguire nei prossimi mesi grazie alla ripresa della domanda e alla capacità limitata dell'Opec+, e che i prezzi potrebbero raggiungere i 100 dollari a barile.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli