Italia markets open in 2 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.458,56
    -180,90 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1847
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    10.755,66
    +1.426,25 (+15,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,42
    +10,53 (+4,30%)
     
  • HANG SENG

    24.699,11
    -55,31 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Greggio verso calo settimanale, pesano timori impatto coronavirus su domanda

di Noah Browning
·1 minuto per la lettura
Serbatoi di petrolio greggio nell'hub petrolifero di Cushing
Serbatoi di petrolio greggio nell'hub petrolifero di Cushing

di Noah Browning

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio viaggiano in territorio positivo ma rimangono in rotta verso un calo settimanale, appesantiti dai crescenti timori legati all'impatto di una nuova ondata di contagi da coronavirus sulla domanda di carburante e al probabile ritorno delle esportazioni dalla Libia.

Intorno alle 11,30 i futures sul Brent avanzano di 19 centesimi a 42,13 dollari al barile, mentre il greggio Usa (Wti) guadagna 12 centesimi a 40,43 dollari.

Il Brent resta ben indirizzato verso un calo di quasi il 2% questa settimana, con il greggio statunitense sulla buona strada per segnare una flessione di circa l'1%. Entrambi i benchmark sono anche in rotta verso un calo mensile, che per il Brent sarebbe il primo in sei mesi.

Negli Stati Uniti, il più grande consumatore di petrolio al mondo e Paese con il più alto numero di morti per coronavirus, le richieste di disoccupazione sono aumentate inaspettatamente la scorsa settimana, suggerendo che la ripresa dell'economia sta rallentando e deprimendo ulteriormente la domanda di carburante, già messa sotto pressione dalle restrizioni ai viaggi imposte dalla pandemia.

Anche in altre parti del mondo, gli aumenti giornalieri dei casi di contagio stanno raggiungendo livelli record e le nuove restrizioni introdotte probabilmente limiteranno la circolazione e la domanda di carburante.

In Libia, una petroliera si è preparata ieri a prelevare un carico da uno dei tre terminal che sono stati riaperti nei giorni scorsi, e si prevede che ce ne saranno altri nei prossimi giorni.

Gli analisti si chiedono tuttavia quanto velocemente il paese potrà aumentare l'offerta.