Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    45.635,52
    -6.252,93 (-12,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Gruppo Illy, scelto adviser per ricerca partner Polo del Gusto - presidente a stampa

·1 minuto per la lettura
Il logo Illy su una tazza in un café a Roma

MILANO (Reuters) - Polo del Gusto, la holding in cui il gruppo Illy ha fatto confluire i marchi Dammann, Domori, Mastrojanni, Agrimontana, punta a trovare un partner di minoranza con obiettivo successivo la quotazione in borsa e ha dato mandato come adviser a Mediobanca.

Lo dice al Sole 24 Ore il presidente Riccardo Illy.

"Si ipotizza un'iniezione di liquidità di 50-100 milioni, per una quota tra il 20% e il 40%, da parte del nuovo socio, che potrebbe essere un ibrido tra industriale e finanziario", spiega Illy.

L'orizzonte per il partner, aggiunge, è di circa 10 anni ed è finalizzato a realizzare nuove acquisizioni, fra cui la maggioranza di Agrimontana, società già in parte detenuta, più altre aziende entro il 2023 nel mondo di biscotti e caramelle.

"Per i target guarderemo a Italia, Regno Unito e Francia con aziende da 10-20 milioni di fatturato. In questa ottica abbiamo già scelto il nuovo AD di Polo del Gusto che sarà Andrea Macchione, attuale guida di Domori".

Con il partner la famiglia Illy guarderà alla quotazione in Borsa nel medio periodo. "Pensiamo che sia possibile la quotazione delle diverse società operative, per le quali abbiamo ambiziosi piani di crescita: ad esempio studieremo l'Ipo per Domori, possibile a Londra, e per Dammann, che in quanto marchio francese potrebbe approdare alla Borsa di Parigi. In pole position per quotazione a Milano c'è anche Mastrojanni, dopo la realizzazione di una acquisizione nel barolo che è già allo studio".

Come seconda opzione, prosegue, "potremmo invece guardare alla quotazione della holding Polo del Gusto".

(Sabina Suzzi, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)