Italia Markets closed

Gruppo UNA spinge sul franchising: nuovo modello di affiliazione

Lfe

Milano, 26 set. (askanews) - Il gruppo UNA spinge sul franchising: con tre formule diverse, per coprire diverse fasce di proposte, guarda al mercato delle strutture indipendenti con l'obiettivo minimo di completare entro i prossimi tre-quattro anni una affiliazione in ogni regione italiana, raddoppiando così il proprio circuito oggi composto di 38 alberghi, 5 dei quali in franchising. E quanto annunciato a Milano dai vertici del gruppo: Mario Zucchelli, presidente, Luca Zaccherini, amministratore delegato Fabrizio Gaggio, direttore Generale e Nicola Accurso, responsabile Sales & Marketing, Brand, Communication, Revenue.

Il contesto in cui si sviluppa la strategia del franchising di UNA è senza dubbi ricco di potenzialità. Secondo il rapporto Horwath 2019, in Italia si registrano solo 1.600 hotel affiliati a una catena alberghiera su un totale di quasi 33.000 strutture. Il tutto si traduce in una disponibilità di camere offerte dalle catene alberghiere che sfiora le 172.000 unità, pari ad appena il 15,8% dell'offerta totale. Si tratta di uno scenario in rapida evoluzione, dove si registrano incrementi sempre più alti nel numero di nuove affiliazioni e nelle dimensioni di crescita dei grandi gruppi dell'ospitalità, crescita che in particolare per i gruppi italiani risulta più rapida di quella degli internazionali, con un aumento del 28% dal 2013, contro l'8% degli internazionali.

In questo contesto si aggiunge la peculiarità di comparto tipicamente italiana rappresentata da uno scenario molto frammentato, dove si muovono soprattutto brand stranieri, attivi sul piano del franchising, dell'affiliazione e del soft branding. Il gruppo UNA vuole ora intercettare questa costellazione di strutture molto diverse tra di loro per categoria, target e ubicazione con una proposta di affiliazione flessibile e snella, che punta su costi molto competitivi e un livello di rischio ridotto al minimo da entrambe le parti in gioco così da da garantire all'hotel i vantaggi dell'affiliazione a una catena pur conservando la propria specificità e la gestione della struttura.

In particolare UNA ricerca hotel che desiderano entrare a fare parte del Gruppo in alcune delle principali città, come Roma, Venezia, Verona, Genova, Palermo, Cagliari, Torino e Rimini. Oltre che nelle Regioni in cui il Gruppo non è ancora presente: Liguria, Val d'Aosta, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata e Calabria. Tre i possibili livelli di affiliazione che implicano un impegno progressivamente maggiore per entrambe le parti coinvolte e ben si armonizziano all'offerta di UNA, suddivisa nelle tre collezioni UNA Esperienze, UNAHOTELS e UNAWAY, che si rivolgono rispettivamente ai segmenti upper-upscale, upscale e smart. (nella foto: Fabrizio Gaggio, direttore generale Gruppo UNA)