Italia markets close in 6 hours 16 minutes
  • FTSE MIB

    26.306,58
    +37,96 (+0,14%)
     
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • Petrolio

    83,35
    +0,91 (+1,10%)
     
  • BTC-EUR

    53.263,82
    -118,52 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.449,99
    -1,65 (-0,11%)
     
  • Oro

    1.783,00
    +17,30 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,1666
    +0,0047 (+0,41%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    25.787,21
    +377,46 (+1,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.158,98
    +7,58 (+0,18%)
     
  • EUR/GBP

    0,8453
    -0,0003 (-0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,0712
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4367
    +0,0003 (+0,02%)
     

Guerra: riforma catasto a gettito invariato, maggioranza pagherà meno

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 set. (askanews) - La delega fiscale richiederà ancora un po' di tempo ma "ormai ci siamo", vedrà la luce in uno dei prossimi consigli dei ministri e si troverà la quadra, anche sul catasto. E' quanto ritiene la sottosegretaria all'Economia, Maria Cecilia Guerra (Leu) secondo cui l'intervento sarà a "gettito invariato" e "probabilmente vedremo che la maggioranza di chi la paga potrà verificare che per lei invece le tasse diminuiranno".

Dopo la levata di scudi di alcuni partiti che sostengono il governo (in particolare Lega e Fi), Guerra ha sottolineato che "al di là del fatto che un intervento è chiesto dall'Europa, una riforma fiscale è necessaria. Sicuramente la delega fiscale verrà portata in uno dei prossimi consigli dei ministri, questo è sicuro e ci saranno tanti temi importanti. Ci sarà anche un intervento sul catasto, in quale forma, con quali tempi e con quale prudenza dipenderà dall'accordo che verrà raggiunto anche in Cdm", che ha l'ultima parola e farà "la sintesi".

"Probabilmente - ha spiegato Guerra ad Askanews - si arriverà forse alla prima settimana di ottobre, qualche slittamento ancora ci sarà anche perché ci sono un insieme di cose che devono essere decise e che sono collegate fra loro". Guerra ha ricordato che si debbono "valutare gli spazi aperti dalla Nadef" e ha aggiunto che in vista della manovra di bilancio, "tradizionalmente qualche intervento fiscale lo fa", si potrebbe così incassare anche la pronuncia "attesa a fine mese" da parte del Parlamento sul documento presentato dal Mef sul tema della riscossione che "potrebbe entrare nella delega".

L'idea è quella di "sostituire i vani con i metri quadri ma anche rivedere le differenze all'interno dei diversi comuni che hanno valori diversi degli immobili (il comune di Portofino non avrà case con lo stesso valore di un posto sperduto sull'appennino modenese) ma anche all'interno dello stesso Comune", conferma. La proposta, ha aggiunto, è quella di "distribuire meglio chiamando chi ha avuto un grosso incremento di valore, a contribuire un po' di più e chi invece ha subito una svalutazione a pagare meno. Ma tutto dentro l'invarianza di gettito", tenendo fermo il prelievo complessivo. "Si tratta di mettere un po' di senso, non dico neanche di equità, nella tassazione".

Vale la pena anche ricordare che le prime case sono escluse tranne quelle di lusso: "tre quarti delle famiglie italiane sono proprietari dell'immobile di residenza e l'immobile di residenza non è tassato e resta non tassato", ha puntualizzato.

Secondo la sottosegretaria all'Economia, Maria Cecilia Guerra, occorre una operazione verità. I dati ci sono, ha sottolineato, facciamo vedere alla popolazione che cosa succederebbe nella realtà" e poi "potremo andare avanti anche con la riforma della tassazione degli estimi catastali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli