Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    47.260,12
    -5.118,97 (-9,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

H&M chiude trim1 in rosso, vuole ricostruire fiducia in Cina

di Anna Ringstrom
·1 minuto per la lettura
Punto vendita H&M a Times Square, Manhattan

di Anna Ringstrom

STOCCOLMA (Reuters) - H&M ha chiuso il primo trimestre in rosso e ha detto di essere impegnata a riconquistare la fiducia dei consumatori cinesi, minata dai commenti della società lo scorso anno sulla regione di Xinjiang.

Il secondo maggior retailer di moda la mondo è entrato nel mirino di consumatori e autorità cinesi dopo la pubblicazione sui social media di un comunicato del 2020 nel quale H&M esprimeva preoccupazione per report che parlavano di ricorso a 'lavoro forzato' nella regione occidentale di Xinjiang, dicendo che non avrebbe più acquistato cotone proveniente da lì.

In una dichiarazione pubblicata insieme ai risultati trimestrali, H&M ha detto che il proprio impegno in Cina resta forte e che è impegnata a ricostruire la fiducia di consumatori, stakeholder e partner nel Paese.

La nota non menziona direttamente Xinjiang.

Intorno alle 11,30, il titolo H&M cede il 2,2%.

Con diverse filiali chiuse a causa della pandemia di coronavirus, H&M ha riportato per il primo trimestre, tra dicembre e febbraio, una perdita prima delle tasse di 1,39 miliardi di corone svedesi (159 mln dlr), da un utile di 2,50 miliardi di corone nel 2020.

Gli analisti interpellati Refinitiv avevano stimato in media una perdita di 1,41 miliardi di corone svedesi.

Le vendite tra il primo e il 28 marzo sono salite del 55% in valuta locale.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)