Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.978,03
    +18,03 (+0,06%)
     
  • Nasdaq

    13.645,44
    +9,45 (+0,07%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2171
    +0,0027 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    26.493,36
    +106,37 (+0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,54
    +3,21 (+0,50%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.855,13
    -0,23 (-0,01%)
     

Hera vede Mol 2024 a 1,3 mld, investimenti a 3,2 mld, cedola salirà fino a 12,5 cent

·1 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) - Il gruppo Hera alza il velo sul piano industriale al 2024 che prevede un Mol a fine periodo di 1,3 miliardi di euro (+215 milioni rispetto al 2019) e investimenti industriali e finanziari complessivi per circa 3,2 miliardi.

Secondo una nota emessa dalla multiutility di Bologna, il dividendo è previsto in ulteriore crescita fino a 12,5 centesimi per azione nel 2024 (+25% rispetto all'ultimo dividendo pagato), a partire dal dividendo di competenza del 2020 previsto a 10,5 centesimi per azione.

Il piano industriale al 2024, spiega la società, si fonda sulle solide basi delle proiezioni di chiusura del 2020: il preconsuntivo conferma infatti i principali indicatori in crescita sull'anno precedente. Il Mol atteso per il 2020 è di circa 1,118 miliardi, in aumento rispetto a 1,085 miliardi del 2019.

Tomaso Tommasi di Vignano, presidente esecutivo di Hera ha così commentato il piano: "A sostegno dei nostri obiettivi abbiamo stanziato un consistente piano di investimenti per espandere i nostri asset e renderli, al tempo stesso, sempre più sostenibili, in linea con le indicazioni delle istituzioni internazionali".

"Confermiamo inoltre tutte le nostre politiche economico-finanziare, a partire dal mantenimento di un profilo patrimoniale conservativo che ci permette di finanziare anche eventuali ulteriori progetti di investimento non inseriti a piano", ha aggiunto nella nota.

Intorno alle 14,50 il titolo balza del 4,3% confermando il rialzo precedente all'annuncio del piano.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)