Italia markets open in 5 hours 35 minutes
  • Dow Jones

    34.751,32
    -63,07 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.181,92
    +20,39 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    30.426,56
    +103,22 (+0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,1769
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    40.753,72
    -347,67 (-0,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.227,47
    -5,82 (-0,47%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    4.473,75
    -6,95 (-0,16%)
     

"Ho investito due settimane per trovare la mia routine del sonno e mai scelta è stata più saggia"

·3 minuto per la lettura
Photo credit: danny g su unsplash
Photo credit: danny g su unsplash

Alzi la mano chi può onestamente dire che la pandemia non ha stravolto non solo la sua vita ma anche la sua routine del sonno! Ebbene sì, si parla di "Coronasomnia" – così definita per il numero importantissimo di persone che ne soffrono, in ogni parte del mondo; si tratta di revenge bedtime procrastination, ovvero di ore tolte al sonno e spese nello scrolling selvaggio di Instragram, Facebook o Tiktok. O, ancora, le maratone di Youtube insomma, in cui si parte con un tutorial su come fare la parmigiana e si finisce con video di chiropratici che, per allineare un corpo, scrocchiano il collo del paziente di turno.

Tutto condivisibile e maledettamente reale, vero? Qual è il risultato di questa deprivazione di sonno, alla lunga? Non solo stanchezza immediata e anche accumulata, ma scontento, frustrazione e mancanza di energia. A mali estremi, estremi rimedi: per azzerare questa cattivissima abitudine, non resta che mettere in piedi un training azzerante e duraturo, in grado di rimettere in sesto il nostro equilibrio sonno-veglia. Due settimane possono fare miracoli per tornare a essere freschi, attivi e pieni di energia! Vediamo insieme perché vale la pena – davvero tanto – investire del tempo nel rieducare il nostro corpo al sonno.

Rieducarsi al sonno: i vantaggi

Stimolazione del sistema immunitario

Mai come quest'anno ci siamo resi conto che il nostro corpo è un santuario e dobbiamo trattarlo nel migliore modo possibile. Se vogliamo che il nostro organismo sia funzionante e sia in grado di proteggersi nel miglior modo possibile, dobbiamo iniziare a trattarlo con rispetto: dormire tra le 7 e le 8 ore a notte e' indispensabile (cosi' come mangiare bene, fare esercizio fisico e idratarsi) per avere un sistema immunitario funzionante e sano.

Ritrovare la serenità

Secondo la Sleep Foundation (la fonte must da cui attingere informazioni sul sonno), dormire adeguatamente – ovvero, per un numero sufficiente di ore – facilita i processi emotivi. Proprio così: durante il sonno, il cervello rielabora pensieri, fatti e memorie, andando a riattivare una risposta emotiva. Infatti, chi soffre di insonnia è un soggetto più a rischio per depressione o mood swings.

Un aiuto alla linea

Può il sonno andare ad influire sulla nostra figura? Ebbene sì: è proprio così! La deprivazione del sonno ha un impatto profondo sui processi metabolici, andando anche a creare problemi ormonali e aumentare l'appetito. Non dormire abbastanza sembra proprio mettere a rischio la routine healthy alla quale facciamo così fatica ad attenerci. D'altronde, chi è stato in piedi fino a tarda notte lo sa, lo spuntino di mezzanotte (dolce o salato che sia) è un must

Photo credit: Courtesy of Unsplash - Bruce Mars
Photo credit: Courtesy of Unsplash - Bruce Mars

Come dormire meglio

Ora che abbiamo capito quanto sia fondamentale dormire bene, non resta che vedere come fare per facilitare la nostra dolce caduta tra le braccia di Morfeo la notte! Tra i numerosi tips, i più efficaci sono:

  • Lasciare i dispositivi elettronici fuori dalla camera da letto: la luce blu degli schermi disturba il ritmo circadiano (quello tra sonno e veglia), tenendo sveglio il nostro organismo

  • Fare esercizio fisico: fondamentale per ottenere una buona qualità del sonno, il movimento fisico (meglio ancora se la mattina) energizza il corpo durante la giornata e lo stanca abbastanza da rendere più facile l'addormentarsi di sera

  • Mangiare healthy: è stato provato come l'assunzione di cibi troppo grassi e unhealthy, specialmente la sera, abbia un impatto decisivo sulla qualità del sonno

  • Passare del tempo all'aria aperta: combattiamo la pigrizia e dedichiamo almeno 30 minuti ogni giorno alla camminata all'esterno! Il movimento all'aria aperta fa miracoli sia sul nostro benessere psicofisico che al buon ritmo circadiano!

Prepararsi al sonno: qualche consiglio

Per due settimane ho cercato di seguire tutti i consigli riportati qui sopra e, come potete ben immaginare, sono così soddisfatta del risultato da volerlo condividere con voi. In preparazione a questo "workshop del sonno" ho acquistato alcuni prodotti per avere un ulteriore supporto. Ecco una selezione di must-have da adottare religiosamente. Mai più senza!


Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli