Italia Markets close in 6 hrs 58 mins

I Buy di oggi da Banco Bpm a Unieuro

Finanzaoperativa.com
 

Equita giudica buy: Aquafil con target price di 13 euro (avviata la chiusura dell’impianto di Leuna in Germania con costi risparmiati  attesi per 4 mln di euro su base annua), Banco Bpm con prezzo obiettivo di 2,80 euro (collocata una nuova emissione Tier 2 con scadenza dieci anni e opzione di richiamo anticipato dopo cinque per un ammontare di 350 mln di euro e una cedola del 4,25%), Cattolica Assicurazioni con fair value di 10 euro (secondo indiscrezioni stampa, non avrebbe presentato alcuna offerta vincolante a Ubi Banca per diventarne unico partner assicurativo), Coima Res con target di 9,60 euro (completato l’affitto del Corso Como Place per le aree a uso ufficio), Enel con obiettivo di 7 euro (rilevata una partecipazione del 12,5% in Hubject, joint venture per la mobilità elettrica con sede a Berlino), Fca con fair value di 14,50 euro (secondo indiscrezioni stampa i banchieri di Goldman Sachs avrebbero iniziato a lavorare sulla possibile cessione di Comau), Mediobanca con target price di 10,30 euro in scia alle ipotesi su interventi di Del Vecchio sulla governance ed NB Aurora con obiettivo di 11,20 euro dopo l’accordo vincolante di co-investimento con NB Renaissance Partners per acquisire circa l’11% in Rino Mastrotto Group, società italiana leader mondiale nella produzione e commercializzazione di pelle bovina e di vitello per la moda di alta gamma, volanti, sedili e cruscotti di auto e arredamento con un fatturato nel 2018 di 320 mln di euro).

Banca Imi valuta buy: Banco Bpm con target price di 2,80 euro, Cnh Industrial con prezzo obiettivo di 12,20 euro in scia ai dati sulle vendite di veicoli commerciali in Europa a luglio e ad agosto, Enel con fair value di 6,70 euro, Isagro con target di 2,10 euro, alzato dai precedenti 1,89 euro in vista della vendita di Isagro Asia, Lucisano Media Group con obiettivo di 3 euro (accordo con Mediaset per la serie tv Sienna), Telecom Italia con fair value di 0,62 euro (il presidente Fulvio Conti potrebbe formalizzare le proprie dimissioni nel Cda di oggi allo scopo di migliorare le relazioni tra gli azionisti del gruppo, l’ad Luigi Gubitosi o un altro componente del board potrebbero assumere l’interim del ruolo di Conti in attesa che venga individuato un sostituto) e Valsoia con target price di 16,60 euro, alzato dai precedenti 16,50 euro dopo la semestrale.

Giudizio add inoltre per: Cattolica Assicurazioni con prezzo obiettivo di 8,30 euro e Nexi con fair value di 10,80 euro in scia ai piani del governo italiano per incentivare l’uso dei pagamenti elettronici.

Banca Akros assegna un buy a: Iren con target di 2,90 euro in scia alla pubblicazione del nuovo piano industriale 2019-2024, Leonardo con obiettivo di 15,50 euro (annunciato l’intenzione di realizzare un centro di supporto e manutenzione nei pressi della base navale di Whiting Field, nel nordovest della Florida, in caso di selezione della propria offerta nella gara per il nuovo elicottero da addestramento della US Navy), Net Insurance con fair value di 6 euro dopo la semestrale e Unieuro con obiettivo di 18 euro (in vista della stretta del governo italiano sull’evasione fiscale e l’individuazione di siti web per la venita al retail non in regola).

Giudizio accumulate inoltre per: Azimut con target di 18,50 euro (si vuole rafforzare nel settore investimenti alternativi con il progetto Libera Impresa Sgr) ed Fca con obiettivo di 14,70 euro.

Kepler Cheuvreux giudica buy: In uno speciale report sul settore delle utility italiane, valgono un buy: Ascopiave, 4,50 euro l’obiettivo, Enel con fair value di 7,10 euro e Iren (3 euro); upgradati poi Acea (19 euro il target price) e Snam (4,80 euro).

Mediobanca assegna un outperform a: Atlantia con target di 25,80 euro (Abertis ha annunciato la nomina di Cerchiai nel board al posto di Castellucci), Autogrill con obiettivo di 11,90 euro (+1,7% il traffico a luglio sulle highway statunitensi), Danieli con fair value di 21,30 euro (risultati esercisio 2018/2019 migliori del consensus), Enel con target di 6,70 euro (Endesa ha siglato una partnership con Iberia), Eni con fair value di 20,50 euro (nuova bio-raffineria a gela), Telecom Italia com target di 0,76 euro e Unicredit con obiettivo di 15 euro nonostante l’esposizione nella fallita Thomas Cook.

Autore: Finanzaoperativa.com Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online