Italia markets open in 8 hours 15 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2050
    -0,0038 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    41.266,88
    +3.484,70 (+9,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Idealista, affitti delle case in calo dell’1,2% a gennaio 2021

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 18 feb. (askanews) - I prezzi dei canoni di affitto hanno invertito la tendenza positiva a gennaio con una diminuzione pari all'1,2% rispetto al mese precedente, attestandosi a una media di 10,8 euro al metro quadro, secondo l'ultimo indice dei prezzi di idealista. Misurato in termini interannuali, l'aumento generale dei prezzi è stato del 14,4%.

Il 2020 si è aperto con variazioni negative di 13 mercati regionali su 20, con i cali maggiori in Molise (-5,7%) e Friuli-Venezia Giulia (-3,7%). Ribassi con variazioni superiori alla media di gennaio anche per Lombardia (-1,6%) e Piemonte (-1,4%). Cali compresi tra l'1% e lo 0,2%nel resto delle aree, dal Trentino-Alto Adige all'Abruzzo.

In controtendenza troviamo 7 regioni guidate dalle performance di Calabria (4%), Valle d'Aosta (3%) e Sardegna (2,2%). Segue la Basilicata con un aumento dell'1,3%, davanti a Lazio (0,5%), Puglia (0,4%) e Sicilia (0,2%). Il prezzo si è mantenuto stabile in Veneto.

La Lombardia, con una richiesta media di 14,6 euro, è la regione più cara per l'affitto davanti al Lazio (12,4 euro/m2). Le seguono Toscana (11,9 euro/m2), Valle d'Aosta (11,4 euro/m2) e Trentino-Alto Adige (11,3 euro/m2). Dal lato opposto della tavola, i prezzi più bassi si trovano in Calabria e Molise, rispettivamente con 5,5 e 5,1 euro al mese.

Sono 54 le province che presentano prezzi più bassi rispetto a quelli registrati a dicembre. Le maggiori cadute spettano alle province di Udine (-11,1%), Campobasso (-6,2%) e Ravenna, -5,2% insieme a Sassari. Sul versante opposto Catanzaro (13,1%) segna il maggior rimbalzo davanti alle province di Viterbo (9,5%), Barletta-Andria-Trani (4,8%) e Belluno (4,1%).

Le richieste più elevate da parte dei proprietari si registrano in provincia di Milano (17,2%) davanti a Lucca (14,1 euro/m2) e Ravenna (14 euro/m2). La provincia di Enna è la più economica con 4,5 euro, seguita da Avellino, Caltanissetta e Isernia con 4,7 euro mensili.

Tendenza contrastante nei principali capoluoghi italiani, con 48 centri in calo contro 46 in terreno positivo. Stabili sulle richieste di dicembre Perugia, Bergamo, Catania, Monza e Verona.

I maggiori decrementi si sono registrati ad Ascoli Piceno, dove le aspettative dei proprietari sono calate dell'8,8%, Campobasso (-8,3%), Asti (-7,4%) e Udine (-7,2%). All'opposto, i recuperi maggiori spettano a Trani (7%), Barletta (5,9%) e Teramo (5,1%).

I grandi mercati segnano le variazioni negative più marcate a Napoli (-2,5%), Milano e Torino (entrambi -1,8%). Roma (0,7%) e Bologna (1,1%) invece archiviano il mese in terreno positivo. Nonostante la performance negativa di gennaio, che porta a un calo accumulato pari al 9,9% negli ultimi 12 mesi, Milano resta il capoluogo dove affittare casa costa di più con 18,3 euro mensili, sopravanzando nettamente Firenze (14,5 euro/m2), Venezia (14,3 euro/m2) e Bologna (14 euro/m2). I canoni più economici riguardano Caltanissetta (4,1 euro/m2), davanti a Vibo Valentia e Cosenza, entrambe con una richiesta media di 4,5 euro mensili.

Il report completo è consultabile al link: https://www.idealista.it/sala-stampa/report-prezzo-immobile/affitto/