Italia markets close in 25 minutes
  • FTSE MIB

    22.610,61
    -375,09 (-1,63%)
     
  • Dow Jones

    33.731,24
    -267,80 (-0,79%)
     
  • Nasdaq

    12.709,44
    -255,90 (-1,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    90,80
    +0,30 (+0,33%)
     
  • BTC-EUR

    21.276,41
    -2.228,21 (-9,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    507,24
    -34,36 (-6,34%)
     
  • Oro

    1.761,60
    -9,60 (-0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,0044
    -0,0048 (-0,47%)
     
  • S&P 500

    4.230,21
    -53,53 (-1,25%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.741,91
    -35,47 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8505
    +0,0052 (+0,61%)
     
  • EUR/CHF

    0,9629
    -0,0020 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,3056
    -0,0005 (-0,04%)
     

Idealista: in Italia prezzi case +0,7% nel secondo trimestre

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 lug. (askanews) - Aumentano dello 0,7% le quotazioni delle case in Italia nel secondo trimestre dell'anno rispetto ai primi tre mesi del 2022. Un incremento che porta il prezzo dell'usato a una media di 1.827 euro al metro quadro, secondo l'ultimo indice dei prezzi di Idealista. Considerando la variazione interannuale, i prezzi sono aumentati dell'1,5% rispetto al 2021.

Rialzi dei prezzi più decisi a Milano dove le quotazioni crescono del 3,6%, facendo tornare la città la più cara d'Italia con un valore medio di 4.828 al metro quadro. Anche Firenze è in rampa di lancio (+2,2%, a 3.994 al metro quadro ) e Bologna (1,8%). A Venezia (0,5%) e Roma (0,4%) le percentuali di crescita sono di poco sotto la media. E se Torino è stabile rispetto a tre mesi fa, in calo risultano Palermo (-1,2%) e Napoli (-1,5%, 2.348 euro al metro quadro).

Vincenzo De Tommaso, responsabile del Centro Studi di Idealista, ha spiegato che "l'economia sta attraversando un periodo di enorme incertezza e questo indebolimento inizia a farsi sentire per estensione anche sul settore immobiliare. Dopo un 2021 e un inizio 2022 straordinariamente positivi, la domanda mostra segni di rallentamento nel secondo trimestre. Per i prossimi mesi il perdurare di una serie di fattori come la guerra russo-ucraina, il caro prezzi e i forti rialzi dei tassi potrebbero produrre una diminuzione della richiesta di mutui frenando la propensione all'acquisto degli italiani nella seconda parte dell'anno, rallentando così la chiusura delle operazioni".

Per il momento, ha chiosato l'analista, "non si prevede una contrazione dei prezzi per una certa carenza di offerta sperimentata nell'ultimo anno che ha determinato una forte tensione sui valori immobiliari, soprattutto nelle città e nelle zone più richieste. La situazione potrebbe peggiorare anche sul fronte dei prezzi dalla fine di quest'anno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli