Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.548,53
    +318,19 (+0,93%)
     
  • Nasdaq

    13.632,84
    +50,42 (+0,37%)
     
  • Nikkei 225

    29.331,37
    +518,77 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,2067
    +0,0058 (+0,48%)
     
  • BTC-EUR

    46.357,96
    -1.129,87 (-2,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.454,46
    -16,95 (-1,15%)
     
  • HANG SENG

    28.637,46
    +219,46 (+0,77%)
     
  • S&P 500

    4.201,62
    +34,03 (+0,82%)
     

“Il 2021 sia anno di ripartenza per empowerment femminile”

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 20 apr. (askanews) - Il 2021 deve essere l'anno della ripartenza anche per l'occupazione e la leadership femminili, attraverso politiche di promozione e di sostegno che siano concretamente capaci di invertire una rotta sbagliata. Questi i temi al centro del digital talk ospitato da The Watcher Post e condotto dal direttore di LaPresse, Alessia Lautone, al quale hanno preso parte: il ministro per le Pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, il Viceministro dello Sviluppo economico, Alessandra Todde e la Presidente di Valore D, nonché Chair del tavolo G20Empower, Paola Mascaro.

"L'empowerment femminile è una sfida riconosciuta dalle Istituzioni e da tutto il Paese come prioritaria. Non è solo elemento di giustizia sociale ma percorso necessario nella costruzione di una piena partecipazione per ciascuna cittadina e ciascun cittadino", ha spiegato la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, prof.ssa Elena Bonetti. "Scegliere l'empowerment delle donne ci chiede un cambio di passo.

Nell'ambito della Next Generation Eu e della presidenza del G20, l'Italia ha indicato la promozione delle donne nel mondo del lavoro e della leadership femminile quale direzione prioritaria di intervento: formazione ed educazione, lavoro, politiche familiari di equità, ambiente e sostenibilità per promuovere la parità di genere e permettere al nostro Paese di assumere un ruolo di leadership a livello internazionale, con l'obiettivo di indicare la rotta e scrivere finalmente un futuro in cui donne e uomini insieme siano protagonisti".

"Tra gli effetti del Covid-19, c'è anche quello di un significativo ampliamento del divario occupazionale tra i generi: a febbraio i posti occupati da donne sono stati circa 76mila in meno rispetto allo scorso anno, mentre quelli occupati da uomini hanno segnato 44mila unità in più. Scegliamo di usare parole come libertà, scelta, rappresentanza. Perché siamo le parole che usiamo. Noi donne siamo in grado di fare la differenza e vogliamo che sia una differenza ricca e creativa. Se immaginiamo che la nostra sia una corsa, non vogliamo correre una corsa impari, una corsa che comincia con delle penalità. I nostri talenti devono assolutamente essere valorizzati. E valorizzarli non umilia né indebolisce, anzi, arricchisce tutti e tutto" ha detto la Viceministro allo Sviluppo economico Alessandra Todde.

"Quest'anno l'Italia ha la Presidenza del G20 che vede all'opera molti tavoli di lavoro tra cui quello sull'Empowerment e la promozione della leadership femminile. Si tratta di una grande occasione per identificare soluzioni che portino ad un avanzamento delle donne in posizioni di leadership e che ci vede impegnati affinché le nostre proposte si traducano in azioni concrete per accelerare la transizione verso una maggiore inclusione e valorizzazione dei talenti femminili nel mondo. Una maggiore presenza femminile nel pubblico e nel privato non è solo una questione sociale ma anche un tema economico, come evidenziato dalla recente ricerca di McKinsey che stima in 12 trilioni di dollari la crescita del GDP se tutti i Paesi raggiungessero la parità di genere", ha dichiarato Paola Mascaro Presidente Valore D e Chair G20 Empower.