Italia markets close in 3 hours 35 minutes
  • FTSE MIB

    24.321,62
    +71,17 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    32.120,28
    +191,66 (+0,60%)
     
  • Nasdaq

    11.434,74
    +170,29 (+1,51%)
     
  • Nikkei 225

    26.604,84
    -72,96 (-0,27%)
     
  • Petrolio

    111,17
    +0,84 (+0,76%)
     
  • BTC-EUR

    27.105,48
    -553,22 (-2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    634,35
    -36,65 (-5,46%)
     
  • Oro

    1.841,50
    -4,80 (-0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,0710
    +0,0025 (+0,24%)
     
  • S&P 500

    3.978,73
    +37,25 (+0,95%)
     
  • HANG SENG

    20.116,20
    -55,07 (-0,27%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.677,10
    +29,54 (+0,81%)
     
  • EUR/GBP

    0,8501
    +0,0012 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0286
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,3721
    +0,0037 (+0,27%)
     

Il 2022 è l'anno della ripresa per la moda?

·2 minuto per la lettura

AGI - La moda, che registrava da anni un andamento positivo, ha subìto un duro contraccolpo a causa della pandemia, visto il mutamento di esigenze dei consumatori e le criticità riscontrate nell'approvvigionamento, nella distribuzione e nelle vendite di articoli. A livello globale, nel 2020 la moda ha generato un export di quasi 900 miliardi euro, circa i due terzi dei quali di abbigliamento e calzature. Le pelli sono il comparto ad aver registrato il crollo maggiore, seguite dal tessile, mentre per abbigliamento e calzature il calo è stato più contenuto. Tra i principali esportatori si evidenzia l'Unione europea e l'Italia è uno dei pochi esportatori netti.

In Italia l'industria del fashion ricopre un ruolo strategico in termini di valore aggiunto e occupazione generati. Nel 2020 il nostro Paese ha esportato 46,7 miliardi di euro in articoli di moda, registrando una contrazione del 18,5%; lo scorso anno ha fatto segnare un recupero benché non completo, anche a causa del forte impatto della pandemia e del protrarsi di alcune criticità.

Le imprese si mostrano ottimiste per le prospettive relative a quest'anno, sulla scia della ripresa attesa in importanti mercati di sbocco e di una maggiore propensione al consumo in un contesto di incertezza relativamente più contenuta rispetto al biennio precedente.

Il settore è di fronte a profondi cambiamenti strutturali che rappresentano una sfida e richiedono uno sforzo innovativo alle imprese. La sostenibilità è diventata parte integrante di varie iniziative di rilancio post-Covid. In questo senso, allo scopo di favorire l'economia circolare all'interno del sistema moda, a partire da quest'anno l'Italia ha introdotto l'obbligo di raccolta differenziata dei prodotti tessili con un target di recupero del 100%. Anche le imprese stanno agendo sempre più per limitare il proprio impatto ambientale in fase sia di produzione sia di ricerca e sviluppo, ma anche tramite servizi offerti al consumatore (ad esempio quelli di sartoria per incentivare la riparazione dei prodotti).

A sua volta, la digitalizzazione porterà ampie innovazioni al sistema moda lungo le diverse fasi della filiera. A valle l'esperienza di shopping diventerà sempre più digitale, grazie alla maggiore diffusione dell'e-commerce su diverse piattaforme e all'utilizzo dell'intelligenza artificiale nei camerini di prova dei negozi fisici. A monte, invece, l'applicazione della realtà aumentata permetterà di ridurre gli sprechi lavorando su modelli 3D e producendo solo le parti necessarie.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli