Italia Markets close in 1 hr 59 mins

Il Barometro del mercato europeo (Settembre 2020)

Morningstar
·2 minuti per la lettura

Il mese di settembre si è chiuso con segno opposto per i segmenti Large Value e Large Growth: il primo ha ceduto il 3%, contro il +0,9% registrato dal secondo. Non è la prima volta che assistiamo a un comportamento simile. Si è già verificato a gennaio e a luglio scorsi e questo ha contribuito ad allargare il divario tra i due in termini di performance negli ultimi 12 mesi, con i titoli Large Value che hanno perso l'11,4% mentre quelli Large Growth che hanno guadagnato il 34,1%.

Figura 1: Morningstar Europe Barometer (Settembre)

Le performance dei settori

Le azioni che hanno contribuito maggiormente allo scarso risultato dello stile Value sono state quelle del segmento oil&gas come Royal Dutch Shell PLC e BP PLC, che hanno ceduto rispettivamente il 12,9% e il 16,1%, e alcuni titoli finanziari come HSBC Holdings PLC (-10,1%), Allianz SE (-9,9%) e BNP Paribas (-15,3%).

A sostenere la performance del segmento Growth, invece, sono state Novo Nordisk, Adyen NV (società tecnologica olandese) e LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton che hanno guadagnato rispettivamente il 6,4%, l’11,3% e l’1,7%.

Forti differenze si sono registrate anche a livello settoriale: i comparti energia e finanza sono stati i peggiori, cedendo rispettivamente il 9,7% e il 6,4%, mentre salute (il più importante per capitalizzazione di mercato in Europa) e beni di consumo ciclici hanno registrato i guadagni maggiori.

Figura 2: Le performance dei settori

Le valutazioni di Morningstar

Fatta eccezione per il maggior divario tra Growth e Value, a causa del diverso andamento nell’ultimo mese, non si sono registrate variazioni significative in termini di valutazioni. Il segmento Large Growth viene scambiato ora con un premio di quasi il 20% (il Price / Fair Value è 1,18) mentre il segmento Large Value è scontato di circa il 20% (il Price / Fair Value è 0,79).

Relativamente ai settori, si nota come a causa delle forti perdite accumulate dalle compagnie petrolifere in questo ultimo mese il Price/Fair value del settore energia sia sceso da 0,59 di agosto all’attuale 0,55.

Figura 3: Le valutazioni di Morningstar

Di Fernando Luque

Autore: Morningstar Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online