Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.904,85
    +143,80 (+0,43%)
     
  • Nasdaq

    13.123,45
    +76,26 (+0,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    89,17
    -2,92 (-3,17%)
     
  • BTC-EUR

    23.653,00
    -442,52 (-1,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    570,72
    -20,04 (-3,39%)
     
  • Oro

    1.794,60
    -20,90 (-1,15%)
     
  • EUR/USD

    1,0162
    -0,0096 (-0,93%)
     
  • S&P 500

    4.296,24
    +16,09 (+0,38%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,62
    +12,81 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8427
    -0,0030 (-0,35%)
     
  • EUR/CHF

    0,9615
    -0,0039 (-0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,3112
    +0,0011 (+0,08%)
     

Il Barometro del mercato europeo (dicembre 2021)

·2 minuto per la lettura

Il 2021 si è concluso con un dicembre molto positivo per tutti i segmenti della nostra European Style Box e con una decisa sovraperformance dei titoli Value rispetto a quelli Growth. Le stock Large Value, ad esempio, hanno guadagnato in media il 6,2% (in euro) rispetto al 2,7% delle Large Growth.

Il bilancio annuale, tuttavia, ha visto il prevalere dei titoli orientati alla crescita, che hanno realizzato una performance del 40% contro il 23% fatto segnare da quelli orientati al valore.

Il risultato dei titoli Large Value a dicembre è da attribuire ai rialzi di aziende di diversi settori come TotalEnergies SE (+9,9%), Volkswagen AG (9,8%), A.P. Moller Maersk A/SB (18,6%), BHP Group PLC (7,8%), British American Tobacco PLC (11,6%), UniCredit SpA (26,7%) e BNP Paribas (+10,3%).

Figura 1: Il Barometro del mercato europeo

Figura 2: Value vs Growth Value vs Growth 2021

A livello settoriale, i guadagni sono stati distribuiti in modo abbastanza uniforme nel mese di dicembre. Spiccano soprattutto i comparti consumer defensive (+6,5%), materie prime (+6,6%) e beni industriali (+7,7%), ovvero un settore in ciascuno dei tre supersettori (difensivo, ciclico e sensibile). I tecnologici, comunque, sono stati i best performer del 2021 con un guadagno del 45% contro appena il 10% realizzato da quelli telecom, che hanno chiuso come fanalino di coda.

Figura 3: I rendimenti dei settori Barometro Sectores Mercado Europeo Diciembre 2021

In termini di valutazioni, sorprende che lo stile Growth abbia drasticamente ridotto il suo Price/Fair Value tra novembre (grafico a destra) e dicembre (grafico a sinistra), ma questo si spiega con il fatto che alcuni titoli sono al confine tra due stili di investimento e in certi momenti possono passare da uno stile all'altro. È il caso, ad esempio, di AstraZenaca, una tra le aziende con la più alta capitalizzazione di mercato in Europa, che nell'ultimo mese è passata dallo stile Blend a quello Growth. Poiché viene scambiata con un P/FV prossimo a 1 e, in generale, con valutazioni inferiori rispetto alle principali società orientate alla crescita, ha contribuito a un calo del Price/Fair Value per il segmento Growth (da 1,13 a 1,06 tra novembre e dicembre), producendo un effetto opposto sul segmento Large Blend.

Figura 4: Le valutazioni di mercato

Le valutazioni dei settori economici, invece, sono state soggette a variazioni di minor importanza. I comparti energia e telecom (entrambi con un P/FV di 0,89) restano i più economici, mentre i consumer cyclical (con un P/FV di 1,29) restano i titoli più costosi.

Figura 5: Le valutazioni dei settori economici

Di Fernando Luque

Autore: Morningstar Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli