Italia markets close in 1 hour 39 minutes
  • FTSE MIB

    24.341,81
    +276,76 (+1,15%)
     
  • Dow Jones

    31.434,28
    +181,15 (+0,58%)
     
  • Nasdaq

    11.494,59
    +106,09 (+0,93%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    113,34
    +1,13 (+1,01%)
     
  • BTC-EUR

    28.691,20
    +626,70 (+2,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    676,09
    +2,72 (+0,40%)
     
  • Oro

    1.838,80
    -2,40 (-0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,0563
    -0,0025 (-0,23%)
     
  • S&P 500

    3.931,76
    +30,97 (+0,79%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.688,42
    +47,87 (+1,31%)
     
  • EUR/GBP

    0,8452
    -0,0029 (-0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3520
    -0,0049 (-0,36%)
     

Il Bitcoin è l'oro digitale. O forse no

·3 minuto per la lettura

AGI - Il prezzo del bitcoin è precipitato all'inizio del 2022 sulla scia dei principali gruppi tech, minando l'idea che la criptovaluta diventi una sorta di 'oro digitale', un rifugio sicuro contro l'inflazione come i metalli preziosi. Mentre gli indici di borsa inciampano a gennaio, il bitcoin oggi crolla a 37.000 dollari: il valore è sceso di quasi il 20% da inizio anno e di oltre il 45% dal suo massimo storico toccato appena tre mesi fa.

Tuttavia, "sulla carta, la mancanza di fondamenti di economia reale potrebbe rendere il bitcoin un perfetto rifugio sicuro in tempi di turbolenze", ha affermato in una nota l'analista di IG Vincent Boy. Ma il bitcoin come riserva di valore al posto dei lingotti è davvero possibile?

Innanzitutto bisogna ricordare che la criptovaluta lavora su una rete decentralizzata: anche il suo creatore, nascosto dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto e che da anni non dà segno di vita, non ha potuto cambiare la regola che pone un tetto al numero di bitcoin.

Per alcuni appassionati di criptovalute è proprio questo che permette al bitcoin di contrapporsi alle valute tradizionali, la cui offerta di moneta è controllata dalle banche centrali, che hanno inondato di liquidità i mercati di fronte alla crisi del 2007 e allo shock del Covid. E l'idea si sta diffondendo con il gonfiarsi del mercato bitcoin dalla fine del 2020: gli analisti di JPMorgan vedono la criptovaluta come un "futuro oro digitale".

E suggeriscono che proprio come gli investitori tradizionalmente acquistavano l'oro come copertura in tempi in cui l'inflazione erodeva il valore degli investimenti finanziari e i loro rendimenti, le nuove generazioni potrebbero vedere il bitcoin come un altro investimento sicuro.

Dimostrano quindi che i flussi in uscita dal mercato dell'oro corrispondono quasi a quelli in entrata in prodotti finanziari legati alla criptovaluta, e considerano che il denaro collocato in oro sia stato trasferito in bitcoin. Infatti, con l'aumento dell'inflazione nel 2021, il prezzo dell'oro, valore tradizionale per far fronte all'inflazione, è in calo, quando quello del bitcoin raggiunge i massimi a novembre.

"Se sei interessato a un asset su cui investire nel breve termine per trarre profitto dalla speculazione ed è così che vedi l'oro, allora sarai tentato dalle criptovalute", osserva John Mulligan, portavoce del mondo Gold Council (Cmo). "Tuttavia - ha chiarito - penso che gli investitori in oro", che cercano protezione dall'inflazione "abbiano un profilo molto diverso".

E l'idea del rifugio sicuro bitcoin non è unanime: "Non crediamo che gli investitori debbano essere esposti (alle criptovalute) come parte di un portafoglio finanziario", sentenziano gli analisti della banca Ubs, che considerano bitcoin troppo volatile per rappresentare un rifugio sicuro. Da inizio anno, il bitcoin ha accompagnato i ribassi delle azioni dei maggiori gruppi tecnologici americani, e ha risentito della scarsa propensione al rischio. Anche tra i sostenitori della regina delle criptovalute, la teoria del bitcoin come oro digitale ha preso una brutta piega. Il fondo britannico Ruffer, noto per la sua cautela, ha annunciato nel novembre 2020 d'investire in bitcoin, ma si è ritirato dal mercato già nel giugno 2021. "L'ascesa del bitcoin ha avuto più a che fare con i suoi aspetti tecnologici che con l'idea di combattere l'inflazione, non credo sia controverso dirlo", ha affermato Duncan MacInnes, chief investment officer di Rufer, in una conferenza online sull'argomento. Tuttavia, rimane ottimista sul futuro del bitcoin e crede che la criptovaluta si staccherà gradualmente dal resto del mercato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli