Italia markets open in 4 hours 10 minutes
  • Dow Jones

    33.823,45
    -210,22 (-0,62%)
     
  • Nasdaq

    14.161,35
    +121,67 (+0,87%)
     
  • Nikkei 225

    29.107,98
    +89,65 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1923
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    31.771,12
    -984,37 (-3,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    941,03
    -28,85 (-2,97%)
     
  • HANG SENG

    28.720,92
    +162,33 (+0,57%)
     
  • S&P 500

    4.221,86
    -1,84 (-0,04%)
     

'Il caso Khashoggi', nel libro di Lillo e Pacelli le carte inedite sui retroscena

·2 minuto per la lettura

"In questo libro esplosivo vengono rese note le carte inedite che svelano il retroscena dell'omicidio Khashoggi": così si legge nella presentazione di ''Il caso Khashoggi', nel libro di Lillo e Pacelli le carte inedite sui retroscena' a cura di Marco Lillo e Valeria Pacelli con la Casa Editrice Paper First. "Tutto quello che Matteo Renzi dovrebbe leggere prima di parlare di 'rinascimento saudita', recita il sottotitolo del libro a cura del giornalista investigativo e vicedirettore del Fatto Quotidiano e della giornalista e inviata de 'Il Fatto Quotidiano'.

E ancora: "La scena ha fatto il giro del mondo, Matteo Renzi sul palco del Future Investment Initiative a Riad con Mohammad Bin Salman. Il leader di Italia Viva - che per la partecipazione al Board dello stesso FII riceve un compenso annuale di 80mila dollari più benefit - in quell'occasione ha definito il paese arabo "la possibile culla del nuovo Rinascimento chiamando il padrone di casa 'my friend'".

"Ma - proseguono nella presentazione - prima di stringere amicizie bisogna conoscere i propri interlocutori. Se si parla del principe saudita, infatti, non si può ignorare la vicenda di Jamal Khashoggi, giornalista e firma del Washington Post, ucciso nel consolato di Riad a Istanbul il 2 ottobre del 2018. Dietro quell'operazione conclusa con un assassinio si allunga proprio l'ombra di Bin Salman".

Tra le carte inedite che svelano il retroscena dell'omicidio, il rapporto integrale di Agnès Callamard, la relatrice dell'Hcr delle Nazioni Unite che ha indagato sul caso e l'intervista alla stessa Callamard poi nominata segretario generale di Amnesty International. Viene poi pubblicato integralmente anche il report dell'Ufficio del Direttore dell'Intelligence Usa che indica Mohammad bin Salman come il mandante del rapimento o addirittura dell'uccisione di Khashoggi. Non mancano infine i colloqui esclusivi con la fidanzata della vittima, Hatice Cengiz e Bryan Vogel, regista del bellissimo docu-film The Dissident.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli