Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.100,67
    -1.613,26 (-5,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Il centrodestra riapre la partita delle amministrative. A Torino gelo tra M5s e Pd

·2 minuto per la lettura

AGI - La partita delle amministrative sul tavolo del centrodestra: prima la riunione dei rappresentanti degli enti locali poi la prossima settimana il vertice dei leader e Salvini, Meloni e Tajani che potrebbero accelerare su Roma e Milano.

Sul capoluogo lombardo si punta ancora su Albertini (nella rosa anche il centrista Lupi e il professore della Bocconi Dallocchio) mentre per quanto riguarda la Capitale Bertolaso è tornato a sfilarsi, anche se Lega e FI sperano di recuperarlo. "Non ci sono, se ne facciano una ragione", ha tagliato corto.

Ora, a meno di un ripensamento dell'ex numero uno della Protezione civile, si andrà alla ricerca di un nome nuovo, proveniente sempre dalla società civile. Una figura d'area che non appartenga ad alcun partito, l'indicazione. Ma non sono in tanti ad aver manifestato la disponibilità, ecco il motivo per cui si potrebbe tornare anche su figure sondate nelle scorse settimane, come il giudice Matone.

Un'altra possibilità, invece, è quella di 'costruire' un candidato, ovvero di scegliere una figura 'low profile' che non sia considerata di primo piano ma capace di amministrare, oltre che di vincere, spiega una fonte del centrodestra. Insomma non un nome di primissimo piano ma con la premessa che dietro ogni scelta ci dovranno essere tutti e tre i leader che dovranno spendersi in campagna elettorale.

La consapevolezza - sottolinea un 'big' del centrodestra - che con il Pd e il Movimento 5 stelle divisi si possa vincere anche senza un nome di grido.

Intanto il capitolo amministrative resta complicato per l'ex maggioranza rosso-gialla, con lo 'strappo' di Chiara Appendino a Torino. "Lo scenario che mi sento di escludere al 100% e' che – ha annunciato la sindaca - appoggiamo il Pd al ballottaggio. I matrimoni combinati non funzionano".

La reazione dei dem è stata affidata al segretario cittadino: "In questo momento i cittadini torinesi non meritano certe prese di posizione cariche di astio e rancore".

Il partito del Nazareno non aveva nascosto le perplessità per un asse con i pentastellati a Torino ma sabato l'ex premier Conte, incontrando i parlamentari piemontesi, si era speso per tentare di mediare, indossando i panni del federatore, spiegando che ogni divergenza sui territori si può appianare. Poi la mossa della sindaca che non esclude di candidarsi. Le alternative sono i consiglieri Unia e Sganga, mentre il rettore del Politecnico Saracco si è sfilato.

Per i dem alle primarie per ora si presentano Tresso, Lavolta e il capogruppo dem in municipio Lorusso. I vertici di Pd e M5s continueranno a tessere la tela ma dopo il 'caso Roma' aumenta il malessere tra le fila dem sulle mosse dei pentastellati.

Nella Capitale Gualtieri si dice convinto di poter arrivare al ballottaggio: "Chiederemo agli elettori della Raggi di sostenerci nella battaglia contro la destra”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli