Italia markets close in 2 hours 8 minutes
  • FTSE MIB

    25.441,02
    -75,44 (-0,30%)
     
  • Dow Jones

    35.084,53
    +153,60 (+0,44%)
     
  • Nasdaq

    14.778,26
    +15,68 (+0,11%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,52
    -0,10 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    32.711,15
    -1.098,92 (-3,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    922,31
    -8,05 (-0,87%)
     
  • Oro

    1.821,30
    -9,90 (-0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,1885
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    4.419,15
    +18,51 (+0,42%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.099,19
    -17,58 (-0,43%)
     
  • EUR/GBP

    0,8520
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,0760
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4770
    -0,0019 (-0,13%)
     

Il coaching, strumento per giovani manager in crescita

·1 minuto per la lettura
(Photo: courtneyk via Getty Images)
(Photo: courtneyk via Getty Images)

Prepararsi a diventare leader in uno scenario complesso come quello attuale è senza dubbio un percorso sfidante, soprattutto per i più giovani. Per questo, nell’ottica di affrontare un mercato del lavoro complicato e in costante evoluzione, sempre più spesso i giovani manager scelgono di affiancare alla preparazione accademica processi di apprendimento e formazione che non sempre vengono annoverati tra le tappe di un tradizionale piano di studi.

Immaginando l’identikit del futuro manager d’azienda, di certo deve possedere solide hard skill che definiscono il settore e la mansione, fornendo un chiaro perimetro d’azione. Competenze linguistiche e digitali completano necessariamente il quadro e sono ormai indispensabili in un mercato in continuo mutamento. Ma per tratteggiare i profili dei leader del domani diventa sempre più centrale focalizzarsi sulla presenza di determinate soft skill.

“Sappiamo benissimo che si tratta di leadership, comunicazione, empatia, pragmatismo, intelligenza emotiva – spiega Silvia Guarnieri, Senior Manager e Coach di Spring Professional – ma la vera questione è capire come svilupparle. Si parte dai corsi di formazione, letture di vario tipo, ma poi, nel concreto, la parte più difficile consiste nel passaggio dalla teoria alla pratica. Una volta acquisite le competenze, bisogna pensare a come creare consapevolezza per applicarle. Il coaching aiuta a entrare in profondità e facilita la definizione dei propri obiettivi e l’individuazione delle risorse da mettere in campo per raggiungerli: tutto ciò è possibile grazie a un approccio in grado di stimolare riflessioni e facendo leva sul pensiero laterale, che porta a massimizzare il proprio potenziale”.

Il coaching lascia emergere, dunque, la luce che ognuno ha dentro di sé e aiuta a comprendere realmente come raggiungere il proprio scopo e trovare la chiave per ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli