Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.277,49
    +70,07 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    33.714,22
    -67,26 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.094,52
    +12,52 (+0,11%)
     
  • Nikkei 225

    27.901,01
    +326,58 (+1,18%)
     
  • Petrolio

    70,40
    -1,06 (-1,48%)
     
  • BTC-EUR

    16.253,37
    -161,33 (-0,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    403,73
    -2,51 (-0,62%)
     
  • Oro

    1.810,20
    +8,70 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0555
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • S&P 500

    3.962,33
    -1,18 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    19.900,87
    +450,64 (+2,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,62
    +21,35 (+0,54%)
     
  • EUR/GBP

    0,8594
    -0,0031 (-0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9846
    -0,0038 (-0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4375
    +0,0030 (+0,21%)
     

Il colesterolo è un killer silenzioso, il 40% lo sottovaluta

SCIEPRO / SKU / SCIENCE PHOTO LIBRARY VIA AFP

AGI - Silenzioso, invisibile e sottovalutato. Il colesterolo è oggi tra i principali responsabili delle oltre 18,6 milioni di vittime per patologie cardiovascolari nel mondo, che in Italia rappresentano il 34,8% dei decessi totali. Ma queste malattie sono ancora sottovalutate, con meno di un italiano su due che riesce a distinguere il colesterolo 'buono' da quello 'cattivo'. A scattare l'allarmante fotografia è l'indagine SWG per Sanofi presentata oggi a Milano in occasione dell'incontro 'La prevenzione che sta a cuore. Malattie cardiovascolari e colesterolo nei pazienti ad alto rischio: agire prima, in modo intensivo e efficace, per ridurre la mortalità'.

Oltre il 40% degli intervistati sottovaluta i rischi legati ad alti livelli di colesterolo, mentre circa 1 su 3 ritiene che il rischio di mortalità legato all'ipercolesterolemia debba preoccupare solo chi ha problemi cardiaci pregressi.

Un decesso su tre è legato alle patologie cardiache

E ancora, meno di 1 su 2 (il 43% del campione) sa che è il colesterolo Ldl ad essere dannoso per la nostra salute. L'obiettivo della ricerca, condotta su un campione di oltre 1.200 soggetti di età compresa tra i 45 e i 74 anni, è stato quello di analizzare la conoscenza delle malattie cardiovascolari e la percezione circa le conseguenze dell'ipercolesterolemia, per offrire spunti di riflessione e stimoli concreti a pochi giorni dalla Giornata mondiale del Cuore prevista per il 29 settembre. "Siamo nel 2022, ma la conoscenza delle malattie cardiovascolari in Italia non è brillante, anzi" commenta Emanuela Folco, presidente della Fondazione italiana per il Cuore (FIPC).

"Nel nostro Paese, oltre 1 decesso su 3 è imputabile alle patologie cardiovascolari. Sono la prima causa di morte sia per gli uomini, con 98mila decessi l'anno (31,7% del totale), che per le donne, con 127mila decessi l'anno (37,7% del totale)".

Secondo Folco, i numeri sulla mortalità delle donne rappresentano "un dato molto importante, perchè la donna spesso non è consapevole di essere a rischio di malattie cardiovascolari perchè, per una definizione che ci portiamo dietro da anni, queste malattie sono malattie maschili. Ma questo non è vero. Le donne muoiono con una differenza di circa 10 anni rispetto agli uomini, ma muoiono per malattie cardiovascolari e non per tumore al seno. Questo ce lo dicono i numeri dell'Iss".

Una malattia silente

Ma la difficoltà nel combattere le malattie cardiovascolari, prosegue ancora Folco, sta anche nella loro "particolarità" di essere "malattie silenti", ovvero che "si sviluppano e noi non ce ne accorgiamo, a meno che non si facciano gli esami periodici. Non ci fanno paura, ma questo è drammatico perché i numeri sono drammatici". La chiave per combattere queste patologie 'silenziose' è quindi la prevenzione.

Ma se il 92% degli intervistati si dice convinto che i problemi cardiocircolatori possano essere evitati, a questa convinzione non corrispondono azioni concrete. Solo per il 17% del campione, infatti, è opportuno eseguire periodicamente visite di controllo, mentre solamente il 31% si è sottoposto ad una valutazione del rischio cardiovascolare negli ultimi 12 mesi.

A non poter però sottrarsi a controlli regolari sono, più degli altri, i pazienti ad alto rischio cardiovascolare che rappresentano, in base alle linee guida internazionali, la vera e urgente priorità nell'ambito degli interventi preventivi. "Il tema della prevenzione è di grande importanza per tutti noi, ma diventa cruciale quando si parla di paziente ad alto rischio cardiovascolare - commenta Ciro Indolfi, presidente della Società italiana di Cardiologia - chi è stato colpito da un evento cardiovascolare, infatti, corre un rischio elevato di andare incontro ad un nuovo infarto o ictus negli anni successivi. Eventi che potrebbero essere sensibilmente ridotti se venissero sempre più implementate le strategie di prevenzione secondaria".

Indolfi spiega quindi che "proprio nella direzione di un trattamento precoce e rapido va l'abbassamento delle soglie di colesterolo Ldl per l'accesso ai nuovi farmaci anti-colesterolo PCSK9, recentemente pubblicate in Gazzetta Ufficiale da AIFA. Evidenze scientifiche dimostrano come il colesterolo Ldl sia causa delle patologie cardiovascolari, non un fattore di rischio, e come la sua riduzione rappresenti uno degli obiettivi principali per limitare eventi cardiovascolari quali l'infarto miocardico e contrastare la mortalità".

Il presidente della Società italiana di Cardiologia aggiunge quindi che "le linee guida della Società europea di Cardiologia suggeriscono in prevenzione secondaria livelli di colesterolo Ldl inferiori a 55 mg/dl e, in alcuni pazienti particolarmente a rischio, livelli di Ldl-C ancora più bassi e inferiori a 40 mg/dl. Questi obiettivi così ambiziosi possono essere oggi raggiunti grazie a nuovi farmaci come gli anticorpi monoclonali, che sono inibitori della proteina PCSK9, capaci di ridurre del 60% il livello di colesterolo cosiddetto cattivo, dimostrando un chiaro beneficio clinico nei pazienti con elevato rischio cardiovascolare".

I farmaci

Il paziente ad alto rischio cardiovascolare ha subìto uno o più eventi cardiovascolari ed è un paziente cronico che come tale va trattato. Sebbene sia spesso in terapia con farmaci orali come le statine e ezetimibe, continua a registrare alti livelli di colesterolo LDL. Per questo la sua gestione rappresenta oggi una delle principali complessità per i Sistemi Sanitari Nazionali.

"La cosa più importante è trattare dal punto di vista terapeutico e farmacologico il profilo lipidico - spiega Giuseppe Di Tano, presidente Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri (ANMCO) Lombardia - la misura dell'adeguatezza del trattamento ce le danno le LDL, un parametro silente dal punto di vista sintomatico ma facilmente riproducibile e oggettivo, che permette al medico di famiglia o al cardiologo di essere molto incisivi".

"Se le statine, che sono i farmaci più correntemente utilizzati, non riescono a garantire un livello di Ldl adeguato, bisogna aggiungere un altro farmaco. La ricerca- aggiunge ancora Di Tano - sta aiutando perchè rispetto alla cura dell'ipercolesterolemia adesso abbiamo farmaci molto aggressivi e molto efficaci, perchè agiscono su dei parametri molto fini e quindi permettono di raggiungere dei livelli più bassi di Ldl, a fronte di effetti collaterali più bassi".

Gli italiani ignorano i rischi

Ma se la ricerca va avanti, sulla percezione dell'ipercolesterolemia che c'è ancora tanto da fare. Secondo la ricerca, infatti, il 20% degli italiani non conosce neppure i rischi derivanti da alti livelli di colesterolo, mentre per il 42% il controllo del livello del colesterolo dipende solamente dalla dieta alimentare e dall'attività fisica, trascurando quindi l'efficacia terapeutica. Ma questa condizione cronica ha un impatto anche sulla vita del paziente: sale fino all'80%, infatti, la percentuale di persone con colesterolo alto che dichiara di aver cambiato le proprie abitudini, con maggior riguardo alla vita familiare (24%) e perfino lavorativa (11%).