Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.185,30
    -3,08 (-0,01%)
     
  • Nasdaq

    13.518,78
    +61,54 (+0,46%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2158
    +0,0043 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    26.231,26
    -2.619,40 (-9,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    629,84
    -50,06 (-7,36%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.852,97
    +1,12 (+0,03%)
     

Il delivery dei librai sfida Amazon: "Nessun algoritmo è come noi"

Ilaria Betti
·.
·2 minuto per la lettura
(Photo: Thomas Barwick via Getty Images)
(Photo: Thomas Barwick via Getty Images)

“Noi facciamo delivery. Non di cibo, ma di libri. Abbiamo inventato un sistema in cui è il libraio stesso che consegna casa per casa, curando i rapporti con i propri clienti. Non ce ne vogliano Amazon e gli altri: per questo tipo di fiducia che si viene a creare tra chi vende libri e chi li acquista, non c’è algoritmo che tenga”: a parlare ad HuffPost è Leonardo Taiuti, editore di Black Coffee, e co-fondatore di Bookdealer, la prima piattaforma di e-commerce in Italia a sostenere attivamente le librerie indipendenti. Insieme a Mattia Garavaglia, libraio della Libreria Golem di Torino, Daniele Regi e Massimiliano Innocenti, Taiuti ha dato vita ad un sito in cui acquistare dalla libreria “sotto casa” è tanto semplice quanto economico. Il lettore sceglie tra due modalità di recapito del libro (consegna a domicilio effettuata dal libraio al costo di 1,90 o spedizione con corriere) e la somma spesa andrà interamente alla libreria. Bookdealer infatti non chiede alle librerie alcuna percentuale sul venduto o abbonamenti annuali, né impone costi di gestione. Una formula destinata ad avere successo: “Quando siamo partiti il 27 agosto 2020 avevamo 120 librerie iscritte. A neanche tre mesi di distanza, sono più di 600”, ci racconta l’editore.

Bookdealer ha fatto della consegna a domicilio e della rete di librerie indipendenti i suoi punti di forza. Per questo non teme i “rivali”, come Amazon o Ibs. Piuttosto vuole porsi come un’alternativa: ”Amazon piace perché acquistare libri lì è facile. Costa poco, spesso ci sono degli sconti (anche se sono sconti del 5% ovvero irrisori colpiscono sempre l’utente) e la consegna è quasi sempre gratuita - spiega Taiuti -. Case editrici come Feltrinelli e Mondadori invece non puntano sull’e-commerce perché per loro la consegna a domicilio non è...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.