Italia markets close in 4 hours 13 minutes
  • FTSE MIB

    23.840,64
    -245,18 (-1,02%)
     
  • Dow Jones

    31.490,07
    -1.164,52 (-3,57%)
     
  • Nasdaq

    11.418,15
    -566,37 (-4,73%)
     
  • Nikkei 225

    26.402,84
    -508,36 (-1,89%)
     
  • Petrolio

    107,88
    -1,71 (-1,56%)
     
  • BTC-EUR

    27.709,89
    -855,36 (-2,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    647,41
    -23,27 (-3,47%)
     
  • Oro

    1.828,90
    +13,00 (+0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,0520
    +0,0054 (+0,52%)
     
  • S&P 500

    3.923,68
    -165,17 (-4,04%)
     
  • HANG SENG

    20.120,68
    -523,60 (-2,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.611,78
    -78,96 (-2,14%)
     
  • EUR/GBP

    0,8474
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,0263
    -0,0076 (-0,73%)
     
  • EUR/CAD

    1,3489
    +0,0006 (+0,04%)
     

Il direttore di Pneumologia del Gemelli analizza la situazione e mantiene i piedi per terra

·2 minuto per la lettura
Luca Richeldi
Luca Richeldi

Intervistato dal Corriere della Sera il direttore di Pneumologia del Policlinico Gemelli di Roma Luca Richeldi fa alcune constatazioni empiriche sulla Omicron: “I sintomi sono meno gravi ma serve altro tempo perché calino i decessi”. Quindi l’analisi della situazione dello pneumologo parte dal presupposto di tenere ancora i piedi ben saldi per terra.

Altro tempo perché calino i decessi, Luca Richeldi vede il miglioramento ma non la fine

Ha spiegato Richeldi: “Gli ospedali stanno lentamente rifiatando. Da una settimana l’incidenza dei ricoveri si sta riducendo e tende ad appiattirsi. L’11 gennaio scorso la variazione su base settimanale nelle terapie intensive è stata del 20% in più. Il 19 gennaio l’incremento era dell’1%”. E ancora: “Nei reparti ordinari si è passati nello stesso periodo da un aumento del 30% a uno del 10%. Verosimilmente è l’effetto della diffusione di una variante del virus che causa sindromi cliniche meno gravi”.

Perché serve altro tempo perché calino i decessi, Richeldi: “La serie continuerà a salire e declinerà gradualmente”

Poi però il professor Richeldi mette in guardia sul tema delle morti, quelle non diminuiranno, non ancora almeno: “Ci aspettiamo che la serie di eventi dolorosi continui a salire ancora per un po’, purtroppo, e che poi cominci a declinare secondo un andamento simile a quello visto nelle prime ondate”.

Sono il parametro finale, perciò ci vuole “ancora altro tempo perché calino i decessi”

Poi spiega il medico: “I decessi sono l’ultimo parametro in decrescita. Stiamo perdendo i pazienti per un terzo di età superiore agli 80 anni e per un quarto tra 70 e 79 anni, prevalentemente con malattie croniche, che li rendono più vulnerabili nonostante la Omicron tenda ad essere meno dannosa per i polmoni”. E in chiosa saggia: “Non cantiamo vittoria. Restiamo cauti. Il sistema ha risposto all’onda d’urto nonostante una situazione di grande stress dovuta anche ai tanti contagi fra il personale sanitario”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli