Italia markets open in 8 hours 33 minutes
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,00 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,89 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,06 (+0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1902
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    50.477,40
    +614,56 (+1,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,35 (+0,68%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,30 (-1,07%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     

Il DL Ristori cambia nome: la dichiarazione del leader della Lega

·1 minuto per la lettura
Salvini
Salvini

Il Decreto Ristori contenente contributi economici per le attività più colpite dalle chiusure cambia nome e si chiamerà Decreto Indennizzi: a dare la notizia è stato il leader della Lega Matteo Salvini aggiungendo altre novità riguardanti il provvedimento.

Decreto Ristori cambia in Decreto Indennizzi

Durante un punto stampa a Cagliari, dove si è recato per prendere parte all’udienza di un processo che lo vede parte lesa, il numero uno del Carroccio ha spiegato che il governo è al lavoro per ristorare lavoratori e imprenditori che hanno subito delle perdite a causa delle recenti chiusure. Oltre alla modifica del nome del decreto, ha continuato, cambierà anche il sistema di attribuzione degli indennizzi come per altro aveva già annunciato l’allora ministro dell’Economia Roberto Gualtieri.

Ad esempio si supererà il vincolo dei codici Ateco a favore di un ragionamento per categorie, con dei massimali innalzati dei diversi criteri di aggiudicazione rispetto all’eccesso di burocrazia precedente. Salvini conta che il decreto, che stanzia 32 miliardi di euro diventi effettivo nei prossimi giorni perché “se sono bene indirizzati, questi soldi possono dare respiro a parecchi“.

Parlando di attività in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus, il leader della Lega si è soffermato in particolare su teatri e cinema, di cui si prospetta la riapertura in zona gialla a partire dal 27 marzo: “Se frequentati con attenzione sono i luoghi pubblici a minor rischio di contagio. Lo conferma uno studio di Berlino, lo dicono molti esperti“. Con buonsenso, soprattutto nelle zone dove il virus è sotto controllo, secondo lui è doveroso prevedere aperture in sicurezza nella consapevolezza che la cultura, come lo sport, è un patrimonio fondamentale da difendere e valorizzare.