Italia markets closed

Il primario del San Raffele di Milano é convinto che il Covid-19 sia stato sconfitto

Alberto Zangrillo

Secondo Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano, il virus non esiste più. Parole davvero forti quelle pronunciate dal medico. Zangrillo è intervenuto nel programma Mezz’ora in più su Rai Tre. Ha parlato dell’ evoluzione dell’epidemia di Coronavrisu nel nostro paese. Insieme al conduttore, il dottore ha spiegato quella che è la sua opinione in merito alla posizione della scienza. Secondo Zangrillo il paese da più di tre mesi sta vivendo un regime di terrore. Chi ha creato tutto questo caos, per lui, dovrà pagare e assumersi tutte le sue responsabilità. Insomma, l’opinione di Zangrillo è nettamente diversa rispetto a quella che domina nella scienza. Ricordiamo che gran parte dei dottori e degli scienziati verso il covid-19 hanno sempre assunto un atteggiamento di profonda cautela. Anche se in queste settimane i contagi stanno diminuendo radicalmente in tutte le regioni d’Italia, il rischio di una nuova ricaduta è davvero alto.

“Il virus non esiste più clinicamente”

Le parole di Alberto Zangrillo hanno finito per turbare ancora di più il popolo italiano. Se da un lato ci hanno sempre invitato a fare cautela, dall’altro proprio Zangrillo preme per un ritorno alla vita di tutti i giorni. “Parliamo di risultati di tre mesi e numeri con evidenza zero. Si ritorni alla vita normale. È auspicabile che il virus scompaia per sempre, come la Sars”. Secondo il primario del San Raffaele il virus è ormai scomparso clinicamente.A sostegno delle sue teorie, il dottore porta uno studio fatto dal virologo direttore dell’Istituto di virologia, il professor Clementi. Insieme al prof Silvestri dell’Emory University di Atlanta hanno affermato che la carica virale contenuta nei tamponi eseguiti negli ultimi dieci giorni è piccolissima, quasi nulla.

Alberto Zangrillo contro il governo

L’attenzione sul tema coronavirus dovrebbe iniziare a scemare perché, secondo Alberto Zangrillo il virus non esiste più. Tutto il terrore che si sta continuando a fare, secondo Zangrillo, è inutile. “Le terapie intensive sono vuote”, ha detto. Come se non bastasse, il medico ha anche avanzato critiche nei confronti del comportamento adottato dalla Grecia verso l’Italia. Ricordiamo che il governo di Atene ha deciso di riaprire le frontiere dal prossimo 15 giugno a quasi tutti i paesi del territorio europeo. Una delle poche escluse è l’Italia. Zangrillo ha definito il comportamento della Grecia ridicolo e senza senso. Pare proprio che questa estate gli amanti della Grecia dovranno scegliere un’altra meta.