Italia markets close in 6 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    25.358,53
    +6,93 (+0,03%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,65
    +0,39 (+0,55%)
     
  • BTC-EUR

    32.405,26
    -1.174,50 (-3,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    934,35
    -26,55 (-2,76%)
     
  • Oro

    1.812,90
    -9,30 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,1886
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.117,35
    +0,73 (+0,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0748
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4868
    +0,0026 (+0,18%)
     

Il drone europeo “Male Rpas” quasi pronto a spiccare il volo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 lug. (askanews) - L'"Eurodrone" o "European Male Rpas" (Medium Altitude Long Endurance, Remotely Piloted Aircraft System), il drone europeo ideato per la sorveglianza e la difesa comunitaria, targato Germania, Francia, Spagna e Italia, è quasi pronto a spiccare il volo.

Giovedì 15 luglio 2021, infatti, è stato firmato il contratto dello sblocco dei primi 100 milioni di fondi di finanziamento da parte della Commissione europea, nell'ambito di una cerimonia organizzata a Roma da OCCAR (Organisation Conjointe de Coopération en matière d'Armement).

Si tratta di un progetto nato grazie alla collaborazione industriale e politica dei quattro Paesi Ue; la Germania con Airbus Defence and Space che rappresenta anche la Spagna, l'Italia con Leonardo e la Francia con la Dassault. La firma del 15 luglio segna un passo decisivo per il velivolo senza equipaggio, concepito per la media altitudine e lunga autonomia, su cui Leonardo giocherà un ruolo chiave.

Trentasette milioni, invece, sono andati al programma Essor acronimo di "European secure software-defined radio" che vede sempre Leonardo in prima linea. L'obiettivo è lo sviluppo di un'architettura radio software che faciliti l'interoperabilità tra le Forze armate europee, con possibili applicazioni su numerose e differenti piattaforme militari. In altre parole, si tratta di creare una standardizzazione comune per le tecnologie di comunicazione a livello europeo, ricorrendo a elementi innovativi come la "quantum key distribution" e la comunicazione ottica punto-punto.

Leonardo si è aggiudicata 11 progetti di ricerca e sviluppo che riceveranno fondi dall'Unione Europea per il programma EDIDP (European Defence Industrial Development) 2020, parte dell'European Defence Fund, volto a sostenere il percorso verso l'autonomia strategica europea nel campo della difesa e promuovere la cooperazione militare nella UE. Con questi risultati conseguiti nella fase preparatoria dell'European Defence Fund, l'azienda italiana si posiziona come player di riferimento per la seconda fase del Fondo Europeo per la Difesa (EDF) nel periodo 2021-2027.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli