Italia markets open in 13 minutes
  • Dow Jones

    34.798,00
    +33,20 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.047,70
    -4,50 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    30.240,06
    -8,75 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1721
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    37.637,73
    +1.441,66 (+3,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.100,55
    -2,51 (-0,23%)
     
  • HANG SENG

    24.278,79
    +86,63 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.455,48
    +6,50 (+0,15%)
     

Il Fisco usa anche Google Maps per controllarci

·3 minuto per la lettura
Il Fisco usa anche Google Maps per controllarci
Il Fisco usa anche Google Maps per controllarci

I dati raccolti online vengono utilizzati dall’Agenzia delle Entrate per rendere più efficace la lotta anti evasione

Postare una foto su uno yacht sui social network può creare qualche problema. Ma solo a chi ha qualcosa da nascondere al Fisco. I controlli dell’Agenzia delle Entrate, negli ultimi anni, sono sempre più accurati e sfruttano anche prove raccolte sul web. L’Agenzia le chiama “fonti aperte” e Google Maps gioca un ruolo importante nello sforzo per incastrare gli evasori.

COSA SONO LE “FONTI APERTE”

Non è certo una novità dell’ultima ora. L’Agenzia delle Entrate, infatti, già con la circolare 16/E del 2016 ha ammesso il ricorso alle “fonti aperte”. E qui rientrano siti e social network come fonte di informazioni sulle caratteristiche di case di lusso. Anche la Guardia di finanza, nella circolare 1/2018, fa riferimento alle “fonti aperte”, concetto ripreso anche nelle linee guida delle Entrate nel controllo di siti web, alla ricerca di finte Onlus nate con lo scopo di non pagare le tasse.

IL FISCO SPIONE

Per semplificare il discorso, l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di finanza possono attingere ad articoli di giornale, siti web, social network per confrontare informazioni fiscali. E qui entrano in gioco strumenti come Google Maps o Google Earth che riescono a catturare immagini dall’alto di mega ville, anche nelle località più sperdute. Magari non dichiarate al Fisco.

GOOGLE ANTI-EVASIONE

Attraverso un particolare algoritmo, Google Maps, Google Earth e Google Street View sono in grado di identificare immobili di pregio, con tanto di campi da tennis e piscine annesse, consentendo così al sistema di confrontare quanto dichiarato dai proprietari al Fisco. Chiaramente se nel 730 risultano redditi troppo bassi per giustificare il tenore di vita, ecco che cominciano i guai.

L’ESPERIENZA IN FRANCIA

Effettuare controlli anti evasione, sfruttando i social network e Google, non è certo una prerogativa unicamente italiana. Questa modalità è già stata introdotta in Francia, con una misura contenuta nella legge di Bilancio 2020. Via libera, quindi, a controlli dei profili social per verificare che non ci siano incongruenze tra quanto dichiarato al Fisco e le foto delle vacanze.

IL SUPPORTO DELLA UE

Il progetto è promosso dall’Unione europea che ha stanziato fondi per lo sviluppo di un sistema informatico basato proprio sull’intelligenza artificiale, in grado di rendere più dura la vita degli evasori europei. E anche se ormai oggi non fa più parte dell’Europa, il Regno Unito ha provato a sperimentare una soluzione simile già nel 2013.

I CONTROLLI IN GRECIA

Google Earth è già stato utilizzato in Grecia per portare alla luce frodi fiscali. Nel 2010, è stato utile per identificare le piscine che i greci hanno evitato di inserire nella dichiarazione dei redditi, portando così a galla ben 16mila nominativi che risultavano non in regola con il Fisco. Certo, resta il problema della privacy. Ma se si tratta di recuperare danari indebitamente sottratti allo Stato, passa in secondo piano: sono molti i giudici che hanno ammesso l’uso degli elementi digitali per i controlli fiscali.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli