Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.643,63
    -318,23 (-1,00%)
     
  • Nasdaq

    13.295,87
    -302,09 (-2,22%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2237
    +0,0068 (+0,56%)
     
  • BTC-EUR

    41.243,00
    +155,69 (+0,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.009,55
    +14,89 (+1,50%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    3.868,18
    -57,25 (-1,46%)
     

Il focus è sulle aziende di qualità e con solido potenziale di utili

Leo Campagna
·6 minuto per la lettura
Il focus è sulle aziende di qualità e con solido potenziale di utili
Il focus è sulle aziende di qualità e con solido potenziale di utili

Possibile un recupero di value e ciclici ma è opportuno ripensare le posizioni in portafoglio in termini di stile, settore e regioni, valutando l’importanza delle infrastrutture e il maggior livello di sicurezza possibile nel 5G

RECUPERO DI VALUE E CICLICI

Secondo gli esperti di GAM le azioni europee con forti franchise, rendimenti elevati nel corso del ciclo e bilanci solidi dovrebbero uscire rafforzate, mentre la forte ripresa economica non farà deragliare le tendenze strutturali sovralimentate nel 2020, come l’ascesa della classe media asiatica, il passaggio da offline a online del commercio, la trasformazione digitale, la decarbonizzazione e l’agenda green. Per molti aspetti l’epicentro della crescita si troverà in quelle parti del mondo dove il cambiamento è stato più marcato. È probabile che vi siano maggior selettività e maggiori opportunità nei mercati europei azionari o nelle aree colpite in modo sproporzionato dalla crisi. L’aspettativa di GAM, come si legge nell’articolo “GAM vede una platea più ampia di azioni in cui investire”, è che a breve termine il recupero del value e dei settori ciclici continuerà, ma molto presto, forse già nel primo trimestre del 2021, i rendimenti diventeranno più idiosincratici e specifici. In un mondo a bassa crescita e con tassi di interesse molto bassi, GAM ritiene che non possiamo aspettarci che prosegua la forte rivalutazione delle azioni orientate alla crescita in futuro.

RIPENSARE LE ESPOSIZIONI PER STILE, SETTORE E REGIONI

Sebbene le prospettive siano incerte, in AllianceBernstein ritengono che attenersi ad alcuni principi dell’investimento azionario a lungo termine dovrebbe essere d’aiuto, mentre i fondamentali non hanno perso la loro importanza. Come illustrato nell’articolo “Come prepararsi alla ripresa nel 2021”, le diverse esposizioni azionarie vanno riviste: è bene assicurarsi che le posizioni in titoli growth non siano eccessivamente orientate verso posizioni costose o affollate, suscettibili di una rapida inversione di tendenza, non vanno ignorati per le loro performance passate i titoli value, regioni o settori, perché ci sono aziende che hanno segnato il passo, ma che sapranno distinguersi in positivo nel corso di una ripresa e in condizioni di mercato diverse. È infine consigliato considerare nuovi tipi di titoli difensivi che possono contribuire ad attutire la volatilità quando le tradizionali azioni minimum volatility vengono meno al proprio ruolo.

AZIONI AZIENDE DI QUALITA’ E CON SOLIDO POTENZIALE DI UTILI

Per gli esperti di Goldman Sachs Asset Management, gli investitori in grado di identificare le aziende di alta qualità con un solido potenziale di utili possono trarre vantaggio dall’ampliamento dei loro orizzonti. “Sebbene si tratti di società che in buona parte operano nel settore tecnologico, siamo convinti che il mercato sia disposto a riconoscere un premio per l’innovazione e per gli utili. Caratteristiche che emergono in modo evidente non soltanto in alcune società statunitensi, ma anche a livello globale e che rendono interessanti settori come il Medtech, l’Edtech, il Fintech, il Greentech e gli investimenti ESG”, riferiscono nell’articolo “Goldman Sachs Asset Management: aziende di qualità e con solido potenziale di utili per guardare oltre le big tech Usa", i professionisti della casa d’investimento, che poi aggiungono: “Da un lato continuiamo ad essere ottimisti sui trend di crescita a lungo termine a supporto di tali colossi ma, dall’altro, preferiamo guardare con prudenza al rally di questi titoli. Una buona strategia per far fronte ai potenziali rischi di un mercato concentrato è quella di espandere geograficamente la gamma di opportunità”.

L’IMPORTANZA DELLE INFRASTRUTTURE

Dal canto suo, Schroders osserva che sono poche le asset class posizionate meglio di quella delle infrastrutture per facilitare una ripresa economica in modo responsabile e sostenibile. Questo perché pochi investimenti sono così direttamente connessi al modo in cui la società avanza, lavora e comunica. Trasporti, energia e ambiente sono tra gli investimenti fondamentali per assicurare una ripresa sostenibile e, fa notare Schroders, hanno un plusvalore da non sottovalutare. Come si legge nell’articolo “Schroders: investire in infrastrutture per contribuire a una ripresa sostenibile”, grazie a una storia di rendimenti stabili sia nel debito che nell’azionario, le infrastrutture permettono agli investitori di adottare un approccio coscienzioso, offrendo al contempo rendimenti stabili. Uno studio dell’Economic Policy Institute stima che ogni 100 dollari spesi in infrastrutture viene generato un output di 13 (mediano) e 17 (medio) dollari per il settore privato sul lungo periodo.

POTENZIALI DI CRESCITA A LUNGO TERMINE PER HI TECH E SALUTE

Intanto, la pandemia ha accelerato trasformazioni già in atto, dalla sostenibilità all’attenzione per le diseguaglianze, ma i mercati non ne hanno ancora prezzato interamente il carattere duraturo. In questa prospettiva, BlackRock esprime la sua preferenza per tecnologia e sanità su un orizzonte tattico, perché presentano caratteristiche di qualità e si propongono come beneficiari dei trend strutturali di crescita. I due settori, come sottolineato nell’articolo “BlackRock punta sui titoli sanitari e tech”, sono stati protagonisti nella generazione di utili e fatturato sull’azionario USA nel 2020 e possono offrire resilienza a fronte di qualche possibile scossone sulla strada della ripartenza economica. Allo stesso tempo i due settori offrono potenziali di crescita a lungo termine nel filone dei mega trend della digitalizzazione e dell’invecchiamento della popolazione.

SOLUZIONI DI SICUREZZA PER I SERVIZI CLOUD DI NUOVA GENERAZIONE

Restando nell’ambito dei mega trend, entro il 2025 le previsioni indicano nel 15% il tasso di crescita annuo composto (CAGR) del mercato mondiale per la sicurezza informatica con volumi fino a 363 miliardi di dollari: un trend nel quale gli investimenti per la sicurezza dei servizi in cloud dovrebbe vantare un tasso di sviluppo ancora più marcato (CAGR > 20%) facendo emergere un’area chiave di interesse. “Intravediamo delle interessanti opportunità di crescita per le compagnie nelle soluzioni di sicurezza per i servizi in cloud di nuova generazione come CrowdStrike e Zscaler, entrambe ben posizionate per continuare ad accrescere le loro quote in questo mercato”, puntualizza nell’articolo “Nella corsa al 5G la sicurezza dei dati conta più della velocità” il team di gestione del comparto Neuberger Berman 5G Connectivity.

IL RALLY DEGLI EMERGENTI FINORA RISTRETTO A POCHI TITOLI

Infine, nell’articolo “Capital Group: “L’azionario emergente ha spazio per crescere ancora”, Viktor Kohn, Equity portfolio manager di Capital Group, osserva che negli Stati Uniti il rally dei mercati emergenti ha riguardato un ambito molto ristretto, portando benefici ai titoli della tecnologia e dei servizi internet, soprattutto nell’area della Grande Cina, mentre le società finanziarie hanno subito un ulteriore rallentamento con quelle legate ai consumi posizionate in mezzo. Ma con la ripresa delle economie il rally potrebbe interessare altri settori, tra cui soprattutto il settore finanziario in tutta l’Asia, dove alcune banche possono beneficiare di una più ampia ripresa in Indonesia, mentre anche l’India ha probabilmente superato il momento peggiore di stress finanziario. Le banche del settore privato hanno già iniziato a registrare una crescita di prestiti e degli utili e gli assicuratori asiatici che vendono prodotti in Cina potrebbero beneficiare del ritorno agli incontri di persona.