Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.724,85
    -373,18 (-1,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

Il G7 "non riconoscerà mai" i "referendum farsa" in Ucraina

Sito ufficiale G7

AGI - I Paesi del G7 "non riconosceranno mai" i risultati dei "referendum farsa" voluti dalla Russia nei territori dell'Ucraina orientale. E' quanto si legge in un comunicato congiunto dei 7 'grandi' del mondo.


"Queste azioni - continua il documento congiunto del gruppo dei Paesi del G7 - violano chiaramente la legge internazionale e la Carta delle Nazioni Unite e vanno diametralmente contro il rispetto della legge tra le nazioni".

 

@G7-Statement: We will never recognise these referenda which appear to be a step toward Russian annexation and we will never recognise a purported annexation if it occurs. We will stand firmly with Ukraine for as long as it takes. #G7GER https://t.co/dgG63oXmQd

— G7 GER (@G7) September 23, 2022

 

"Questo referendum farsa cominciato oggi dalla Russia non ha effetto legale o legittimità, come dimostrato dai metodi frettolosi nell'organizzarlo e dall'intimidazione della popolazione locale".

Questi referendum, in aree che sono state poste sotto il controllo russo, "non rappresentano una legittima espressione di volontà del popolo ucraino, che si è opposto con forza ai tentativi russi di cambiare con la forza in confini". "

Non riconosceremo mai - continuano - questi referendum che appaiono essere un passo verso l'annessione russa e non riconosceremo l'annessione se avverrà".

"Deploriamo inoltre - si legge nel testo pubblicato dalla Casa Bianca - i deliberati passi russi che hanno alzato la tensione, inclusa la parziale mobilitazione dei riservisti e l'irresponsabile retorica nucleare".

Il G7 lancia un appello a "tutti i Paesi" a rigettare "in modo inequivocabile" i "referendum farsa". I Sette Grandi garantiranno all'Ucraina ulteriori aiuti finanziari, umanitari, militari, diplomatici e legali, anche attraverso la Conferenza per la ricostruzione del Paese in programma a Berlino il 25 ottobre.

"Noi - conclude il documento - resteremo fermamente al fianco dell'Ucraina per tutto il tempo che sarà necessario".