Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.826,79
    -127,61 (-0,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Il glaciologo Carlo Barbante spiega cosa è successo e perché in molti casi è ormai troppo tardi

Il crepaccio della Marmolada distaccatosi
Il crepaccio della Marmolada distaccatosi

Su Fanpage parla un esperto e lo fa sulla tragedia della Marmolada: “Il futuro dei ghiacciai è segnato ed avremo altri eventi simili”. Il glaciologo Carlo Barbante spiega cosa è successo e perché in molti casi è ormai troppo tardi. Il direttore dell’Istituto di Scienze Polari del CNR e professore Ordinario dell’Università Ca’ Foscari Venezia è stato molto chiaro: “Le alte temperature degli ultimi tempi hanno fatto sì che un crepaccio coperto dal ghiaccio sulla Marmolada si riempisse d’acqua. È un evento eccezionale”.

“Il futuro dei ghiacciai è segnato”

“Ma dovremo abituarci, diventeranno più frequenti: anche se smettessimo oggi di emettere in atmosfera tutti i gas clima-alteranti nei prossimi 30 anni il destino dei ghiacciai sulle Alpi è già segnato“. Insomma, a parere di Barbante il nesso fra cambiamento climatico e strage sulla Marmolada c’è tutto. Poi il professore ha precisato in ordine al crollo: “Tecnicamente, non si tratta di un seracco ma di un  crepaccio. I seracchi sono in genere conformazioni più a torre che si vedono nelle foto dei ghiacciai”.

“Non un seracco, piuttosto un crepaccio”

“Questo più che altro era un crepaccio completamente coperto dal ghiaccio, che si è riempito d’acqua a seguito delle temperature altissime di queste ultime settimane. In altre parole, la sua “pancia” si è riempita d’acqua ed ha lubrificato la superficie tra il ghiacciaio e la roccia in primis”. E ancora: “A seguito di questo enorme peso creato dalla massa d’acqua, ha di fatto ceduto ed è andato a valle per 1200 metri di dislivello. È stato un evento eccezionale che si è innestato in una crisi climatica in atto. Già a fine maggio c’è stato un episodio simile, un crollo legato alle temperature molto alte”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli