Italia markets close in 7 hours 13 minutes
  • FTSE MIB

    23.180,91
    -83,95 (-0,36%)
     
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.408,17
    -255,33 (-0,86%)
     
  • Petrolio

    59,81
    -0,83 (-1,37%)
     
  • BTC-EUR

    40.847,79
    +1.915,26 (+4,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    987,09
    +0,44 (+0,04%)
     
  • Oro

    1.722,20
    -0,80 (-0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2006
    -0,0054 (-0,44%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     
  • HANG SENG

    29.095,86
    -356,71 (-1,21%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.696,53
    -10,09 (-0,27%)
     
  • EUR/GBP

    0,8654
    +0,0001 (+0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,1023
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5227
    -0,0004 (-0,03%)
     

Crisi di Governo, Conte ottiene la fiducia con 156 sì ma senza maggioranza assoluta

Claudio Paudice
·Giornalista, L'HuffPost
·2 minuto per la lettura
(Photo: AM POOL via Getty Images)
(Photo: AM POOL via Getty Images)

Niente maggioranza assoluta in Senato ma 156 voti favorevoli alla fiducia consentono al governo di andare avanti, per il momento. I no sono 140, 16 astenuti. Il verdetto dell’Aula di Palazzo Madama arriva segnato dalla polemiche. Il presidente Casellati blocca il voto: l’ex 5S Ciampolillo e Nencini arrivano sul filo e riescono a votare, a sostegno del governo, solo in extremis. Protestano Lega e FdI, che annunciano si appelleranno al Colle.

Italia Viva conferma l’astensione, in segno di “disponibilità”, seppure a tempo, a discutere ancora con la maggioranza. I senatori guidati da Matteo Renzi al momento tengono in ostaggio l’esecutivo giallo-rosso: se si sommassero alle opposizioni, a Palazzo Madama i rapporti di forza cambierebbero (senza Nencini, sono infatti 17 in tutto, contando anche un senatore assente per Covid, e dunque sommati ai 140 no delle opposizioni supererebbero l’attuale maggioranza). In Aula come nelle commissioni, paralizzando l’attività parlamentare.

Che vi sia un “problema di numeri” lo mette a verbale anche il premier: “se non ci sono, il governo va a casa”, dice chiaro e tondo davanti ai senatori. Dove ingaggia anche un duello con l’ormai rivale Renzi: l’ex premier sceglie di intervenire in discussione generale, così da garantirsi la replica del premier. Lo accusa di “non essere salito al Quirinale per paura” e di chiudersi in “un arrocco dannoso”. Come il centrodestra, parla di “mercato indecoroso di poltrone” e con un tono apocalittico torna a ripetere la necessità di un cambio di passo, dalla scuola all’economia, “o i nostri figli ci malediranno”, dice.

C’è chi si chiede se il leader di Iv abbia in serbo un cambio di strategia, cercando la rottura definitiva e infischiandosene del rischio diaspora fra i suoi: i parlamentari di Italia Viva si riuniranno poco dopo e c...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.