Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.510,61
    +586,47 (+1,90%)
     
  • Nasdaq

    12.927,59
    +204,12 (+1,60%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,15
    +2,32 (+3,63%)
     
  • BTC-EUR

    41.302,23
    +708,66 (+1,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,82
    +39,65 (+4,20%)
     
  • Oro

    1.696,80
    -3,90 (-0,23%)
     
  • EUR/USD

    1,1923
    -0,0056 (-0,47%)
     
  • S&P 500

    3.844,75
    +76,28 (+2,02%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8607
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,1088
    -0,0033 (-0,30%)
     
  • EUR/CAD

    1,5086
    -0,0075 (-0,50%)
     

Il grande imbarazzo 5Stelle per Cesa. "Una macchia sul simbolo"

Gabriella Cerami
·Politics reporter, L'Huffington post
·1 minuto per la lettura
Lorenzo Cesa (Photo: )
Lorenzo Cesa (Photo: )

Una “macchia” sul simbolo dell’Udc “che può costare cara anche a noi”. Così la definisce un senatore grillino. Una macchia che getta il Movimento 5 Stelle nell’angoscia. Il segretario dei centristi Lorenzo Cesa è indagato per associazione a delinquere nell’ambito dell’operazione “Basso profilo” e la notizia piomba nei corridoi nel Senato mettendo a serio rischio le trattative per far nascere la quarta gamba a sostegno del governo. Per adesso nessuno dei pentastellati, a parte Alessandro Di Battista che però si trova fuori dal Parlamento, lo dice apertamente. Perché? “Perché attaccare l’Udc significa mettere in discussione la stampella”, spiegano i vertici M5s, e quindi “far saltare tutto”. Martedì la fiducia si è fermata a 156 voti a favore, per andare avanti e avere una maggioranza stabile occorre che un gruppo parlamentare si schieri a favore dell’esecutivo. E il gruppo adocchiato e con il quale le trattative erano in stato avanzato, era proprio l’Udc che avrebbe dovuto fare da contenitore a tutti quei parlamentari ‘Responsabili’.

Il fatto che nessun parlamentare M5s di peso voglia rilasciare dichiarazioni ufficiali la dice lunga sullo stato dell’arte. Nelle chat e a taccuini chiusi però i senatori si sfogano: “Non possiamo accettare qualsiasi cosa. Va bene che Cesa si è dimesso da segretario, ma il simbolo che dovrebbe sostenere il governo è macchiato e non possiamo accettarlo”.

L’imbarazzo è tale, accompagnato alla situazione si stallo che vive l’esecutivo, che i parlamentari del Movimento 5 Stelle che fanno parte della commissione Antimafia diffondono una nota senza mai citare la parola ‘Udc’. Il passaggio più forte, se così si può definire, di questa nota è il seguente: “L’operazione B...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.