Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.395,79
    -1.195,56 (-2,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Il gruppo AD Ports e il gruppo CMA CGM annunciano un accordo per l’investimento di 570 milioni di dirham degli Emirati Arabi Uniti nel nuovo terminal del porto di Khalifa

·7 minuto per la lettura
  • In forza di un accordo di concessione di 35 anni, il terminal all’avanguardia vedrà la luce nel 2024 con una capacità iniziale di 1,8 milioni di TEU

  • Il porto di Khalifa diverrà un crocevia regionale per tre delle quattro maggiori società di spedizioni al mondo

ABU DHABI, Emirati Arabi Uniti, September 09, 2021--(BUSINESS WIRE)--Il gruppo AD Ports, il principale catalizzatore di attività logistiche, industriali e commerciali della regione, e il gruppo francese CMA CGM, leader globale nel campo delle spedizioni e della logistica, hanno annunciato la sottoscrizione di un accordo di concessione della durata di 35 anni.

questo comunicato stampa include contenuti multimediali. Visualizzare l’intero comunicato qui: https://www.businesswire.com/news/home/20210909006167/it/

H.H. Sheikh Khaled bin Mohamed bin Zayed Al Nahyan, Member of Abu Dhabi Executive Council and Chairman of Abu Dhabi Executive Office, meets with officials from AD Ports Group and CMA CGM Group to witness the signing of a concession agreement between them. (Photo: AETOSWire)

Ai sensi dell’accordo, nel porto di Khalifa, il primo porto per container semiautomatizzato della regione del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Gulf Cooperation Council, GCC), verrà realizzato un nuovo terminal, che sarà gestito da una joint venture a controllo congiunto di CMA Terminals, consociata di CMA CGM (con una partecipazione azionaria del 70%), e del gruppo AD Ports (per il restante 30%). Da parte dei partner si prevede un impegno di quasi 570 milioni di dirham degli Emirati Arabi Uniti (154 milioni di dollari) per il progetto in questione.

Un terminal all’avanguardia accompagnerà la crescita del porto di Khalifa

La consegna del nuovo terminal, la cui costruzione inizierà nel corso del 2021, è prevista per il 2024 per quanto riguarda la fase 1, che prevede una banchina con una lunghezza iniziale di 800 metri e una capacità annua stimata intorno a 1,8 milioni di TEU (container standard). Il gruppo AD Ports sarà responsabile dello sviluppo di una vasta gamma di opere e infrastrutture marittime di supporto, tra cui figurano 1.200 metri di fronte murata del molo, 3.800 metri di frangiflutti, la realizzazione di una piattaforma ferroviaria completa e un’area di 700.000 metri quadrati interna al terminal.

Il terminal fungerà da nuovo crocevia regionale per CMA CGM, consentendo al gruppo di ampliare la propria offerta di servizi tra Abu Dhabi e Sud-Est asiatico, Asia occidentale, Africa orientale, Europa e Mediterraneo oltre a Medio Oriente e subcontinente indiano.

Con questo importante investimento, il gruppo CMA CGM porta avanti la propria strategia di espansione globale come principale operatore di terminal. Il gruppo gestisce attualmente 49 terminal portuali in 27 Paesi attraverso le consociate CMA Terminals e Terminal Link.

Il porto di Khalifa, crocevia regionale per tre delle quattro maggiori società di spedizioni al mondo

Il gruppo CMA CGM è la terza delle quattro principali società mondiali di spedizioni a collaborare con il prestigioso catalizzatore di attività logistiche, industriali e commerciali di Abu Dhabi. L’accordo conferma il porto di Khalifa come uno dei pochi grandi porti al mondo a fungere da crocevia per tre delle maggiori compagnie di trasporto marittimo mondiali, sottolineandone il ruolo fondamentale per i collegamenti tra Est e Ovest nell’ambito del commercio marittimo globale.

CMA CGM, un partner prezioso per l’economia degli Emirati Arabi Uniti

La posizione geografica centrale degli Emirati Arabi Uniti e di Abu Dhabi, al centro di rotte commerciali internazionali, consente al gruppo CMA CGM l’implementazione di piani di sviluppo strategici atti a rafforzarne la posizione nel Golfo e a offrire i migliori servizi in risposta alle esigenze della clientela.

Presente negli Emirati Arabi Uniti da 15 anni, il gruppo CMA CGM conta circa 450 dipendenti distribuiti in 10 sedi, che forniscono ai clienti le migliori soluzioni in termini di servizi logistici e marittimi. Il gruppo collega gli Emirati Arabi al resto del mondo con 13 servizi settimanali diretti verso 9 porti.

Sua Eccellenza Falah Mohammed Al Ahbabi, presidente del gruppo AD Ports, si è così espresso: "Uno dei fattori principali che hanno contribuito enormemente alla crescita economica di Abu Dhabi e degli Emirati Arabi Uniti è stato il contesto economico stabile, maturo per gli investimenti stranieri. Se a questo aggiungiamo la competitività della zona franca e le iniziative di coinvolgimento commerciale che aiutano le aziende straniere a stabilire facilmente una presenza nel Paese, possiamo concludere che gli Emirati Arabi Uniti sono diventati una destinazione di investimento cruciale per molti dei principali operatori impegnati ad estendere il proprio raggio d’azione in Medio Oriente."

"Questo accordo epocale con il gruppo CMA CGM è un ottimo esempio dei continui sforzi compiuti nonché un passo verso un’accelerazione significativa del commercio e dello sviluppo del settore negli Emirati Arabi Uniti e non solo."

"Oltre a favorire un aumento degli scambi commerciali nel nostro porto e a migliorare lo sviluppo economico degli Emirati Arabi Uniti, ci aspettiamo che la grande capienza della struttura e i nuovi collegamenti commerciali con altre destinazioni portuali di alto profilo favoriscano gli investimenti nelle attività locali e nelle nostre aree industriali, accelerando lo sviluppo di settori strategici quali la produzione e la logistica, e incrementando la domanda di manodopera."

"Questo accordo ci aiuterà a realizzare il nostro sogno lungimirante di diventare uno tra i 10 maggiori operatori portuali, industriali e logistici, espandendo la nostra capacità operativa e allargando la nostra presenza all’interno e al di fuori della regione. Tirando le somme, prevediamo che nei prossimi cinque anni la joint venture di CMA Terminals darà ulteriore impulso allo sviluppo della zona industriale di Khalifa-Abu Dhabi (Khalifa Industrial Zone Abu Dhabi, KIZAD), contribuendo al contempo in modo significativo al PIL nazionale."

Il Capitano Mohamed Juma Al Shamisi, amministratore delegato del gruppo AD Ports, ha dichiarato: "L’aggiunta del nuovo terminal per container nel porto di Khalifa, che sarà gestito da una joint venture istituita in collaborazione con CMA Terminals, apre un nuovo capitolo negli sforzi della nostra organizzazione di diventare un catalizzatore del commercio globale e promuove Abu Dhabi al ruolo di crocevia regionale e internazionale per il commercio marittimo."

"L’aggiunta di un’altra importante compagnia di spedizioni marittime di portata globale farà del porto di Khalifa un nodo di riferimento per tre delle quattro principali società di spedizioni al mondo. Questo ingresso creerà opportunità per l’apertura di rotte commerciali verso nuovi mercati in Europa, Africa, Asia occidentale e Asia meridionale. A livello nazionale ci aspettiamo che la presenza del terminal di spedizioni marittime, che sarà direttamente collegato al terminal ferroviario di prossima realizzazione e utilizzerà i servizi del porto di Khalifa, possa accelerare gli scambi commerciali in ingresso e in uscita dagli Emirati Arabi Uniti, incoraggiando al contempo i clienti del gruppo CMA CGM a considerare l’eventualità di insediamenti ad Abu Dhabi."

Rodolphe Saadé, presidente e amministratore delegato del gruppo CMA CGM, ha dichiarato: "L’ambizioso progetto che lanciamo oggi ad Abu Dhabi segna un importante traguardo nella strategia di sviluppo di CMA CGM nella regione.

Questo terminal all’avanguardia contribuirà a rafforzare la posizione del porto di Khalifa promuovendolo a crocevia globale, dando slancio all’economia della regione e accelerando gli scambi commerciali in entrata e in uscita da Abu Dhabi.

La nuova realtà consentirà anche al nostro gruppo di espandere la propria rete logistica e di spedizioni nella regione, nella quale intravediamo un enorme potenziale di crescita."

Per visionare il video dell’accordo visitare il sito: https://youtu.be/hvW0sgIOonY.

Informazioni sul gruppo AD Ports:

Informazioni sul gruppo AD Ports:

Per maggiori informazioni visitare il sito: adports.ae

Twitter @AbuDhabiPorts

LinkedIn: linkedin.com/company/abudhabiports

Instagram: instagram.com/AbuDhabiPorts

Facebook: facebook.com/AbuDhabiPorts

Informazioni su CMA CGM

Segui il gruppo CMA CGM su:

https://twitter.com/cmacgm

https://www.linkedin.com/company/cma-cgm

https://www.facebook.com/cmacgm

http://instagram.com/cmacgm/

https://www.youtube.com/channel/UCAMAVVaqikbzeE3znzw6lVQ

*Fonte: AETOSWire

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Vedi la versione originale su businesswire.com: https://www.businesswire.com/news/home/20210909006167/it/

Contacts

Gruppo AD Ports
Sana Maadad
sana.maadad@adports.ae
+971506250890

CMA CGM
Relazioni con i media
media@cma-cgm.com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli