Italia markets close in 1 hour 49 minutes
  • FTSE MIB

    24.462,68
    -137,67 (-0,56%)
     
  • Dow Jones

    33.787,24
    +109,97 (+0,33%)
     
  • Nasdaq

    13.999,50
    +3,40 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    +82,29 (+0,28%)
     
  • Petrolio

    61,45
    +1,27 (+2,11%)
     
  • BTC-EUR

    53.731,86
    +675,62 (+1,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.383,06
    +7,28 (+0,53%)
     
  • Oro

    1.737,80
    -9,80 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,1972
    +0,0017 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.144,49
    +2,90 (+0,07%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.973,72
    +6,73 (+0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8676
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,1032
    +0,0035 (+0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5023
    +0,0049 (+0,33%)
     

Il Gruppo Iren acquisisce il controllo dello toscana Futura

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 31 mar. (askanews) - Il Gruppo Iren acquisisce il controllo di Futura, società con sede a Grosseto che gestisce un impianto di trattamento meccanico biologico dei rifiuti indifferenziati e di compostaggio per la realizzazione di compost di qualità.

Nel dettaglio, nell'ambito delle attività di consolidamento e razionalizzazione conseguenti all'acquisto della divisione ambientale di Unieco Società Cooperativa, in liquidazione coatta amministrativa, Iren Ambiente ha completato l'acquisto da S.I.T. di una quota del 20% del capitale di Futura. Il prezzo pagato per l'acquisto della partecipazione è pari a 1,1 milioni. A seguito dell'operazione, il Gruppo Iren è venuto a detenere una partecipazione complessiva pari al 60% di Futura. Tenuto conto di un ebitda riportato nel 2020 di 3,5 milioni, l'operazione riflette un multiplo EV/Ebitda di circa 7,5.

Futura attualmente gestisce un impianto di trattamento meccanico e biologico che tratta circa 140 kt/anno di rifiuti indifferenziati e frazione organica e, una sezione di compostaggio per la frazione organica ed il verde da 33 kt/anno, la cui concessione scade al 2041. Il piano industriale della società prevede la realizzazione di un impianto di digestione anaerobica della frazione organica da 80 kt/anno, con una produzione a regime di 4,6 milioni di mc/anno di biometano. L'investimento previsto è di circa 26 milioni in tre anni e consentirà alla società di raggiungere un ebitda di circa 6,5 milioni.