Italia markets open in 15 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2112
    +0,0028 (+0,23%)
     
  • BTC-EUR

    40.497,54
    -1.907,11 (-4,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.354,92
    -32,98 (-2,38%)
     
  • HANG SENG

    27.944,13
    +225,46 (+0,81%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

"Il Long Covid nei bambini esiste. Il 20% degli under 18 ha problemi psicologici"

Ilaria Betti
·.
·2 minuto per la lettura
Photo taken in Pisa, Italy (Photo: Monica Monti via Getty Images/EyeEm)
Photo taken in Pisa, Italy (Photo: Monica Monti via Getty Images/EyeEm)

Il Long Covid nei giovani esiste. Ma non ha nulla a che fare con danni di tipo polmonare, cardiologico o neurologico. Gli strascichi del coronavirus per bambini e adolescenti sono soprattutto di tipo psicologico. Ad affermarlo è Fabio Midulla, pneumologo, professore Ordinario di Pediatria, responsabile del pronto soccorso pediatrico del Policlinico Umberto I di Roma e promotore di un progetto di visite e follow-up per minori che hanno contratto l’infezione da SARS-Cov-2. “Da febbraio a oggi abbiamo visitato circa 150 pazienti da 0 ai 18 anni che nei mesi scorsi hanno avuto il Covid. Più della metà sono adolescenti (dai 14 anni in su) e di questi almeno il 20% si porta dietro problemi di tipo psicologico come ansia, depressione, paura di quello che è successo o potrà succedere”, ci racconta.

Quello creato da Midulla, presidente della Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili, è un osservatorio unico nel suo genere su quelle che sono le conseguenze del coronavirus nei più piccoli. Lo scopo è quello di capire, una volta per tutte e tramite l’osservazione diretta, se il Long Covid esista o meno anche nei bambini. Il progetto di follow up ha avuto un enorme successo, tanto da aver convinto il professore ad estendere l’iniziativa anche ad altri centri pneumologici italiani. “Al Policlinico siamo passati da due a cinque pazienti al giorno per cercare di smaltire le liste d’attesa e abbiamo prenotazioni fino a novembre - precisa - ne siamo felici ed è indice che la nostra idea risponde a un’esigenza delle famiglie, ossia quella di avere un contatto con gli specialisti per essere rassicurati sulle conseguenze a distanza del Covid”.

Al momento, gli effetti a lungo termine sui minori sembrano riguardare solo l’aspetto psicologico. “Non è da sottovalutare - afferma -. Solitamente questi disagi si manifestano tre o quat...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.