Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.945,58
    +68,61 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    14.253,27
    +111,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.884,13
    +873,20 (+3,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1943
    +0,0019 (+0,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.233,44
    -234,13 (-0,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    772,86
    -21,46 (-2,70%)
     
  • HANG SENG

    28.309,76
    -179,24 (-0,63%)
     
  • S&P 500

    4.246,44
    +21,65 (+0,51%)
     

Il medico che curò Navalny è stato ritrovato vivo a tre giorni dalla scomparsa

·1 minuto per la lettura

AGI - È stato ritrovato vivo e in buona salute Alexander Murakhovsky, il ministro della Salute della regione di Omsk del quale non si avevano notizie da venerdì scorso, quando si era inoltrato da solo in una foresta durante una battuta di caccia nel distretto siberiano di Bolshiye Uki. Lo riferiscono le autorità locali. Murakhovsky, che fu il primo medico a curare l'oppositore russo Aleksei Navalny subito dopo il suo avvelenamento lo scorso agosto, è riuscito a raggiungere da solo il villaggio di Basly dopo essersi perso nella foresta.

Murakhovsky venerdì mattina si era allontanato da solo dal campo base su un 'all terrain vehicle' (quei piccoli veicoli per terreni difficili simili a quelli utilizzati sui campi da golf). I suoi familiari avevano dato l'allarme il giorno dopo. Le operazioni di ricerca avevano coinvolto un centinaio di uomini e mezzi aerei, tra cui un elicottero e alcuni droni.

Il mezzo era stato trovato domenica a sei chilometri e mezzo dal campo base. Le caratteristiche dell'area, piena di terreni paludosi, avevano fatto temere che il medico fosse rimasto vittima di un incidente. Murakhosvky era stato nominato ministro della Salute della regione lo scorso novembre e ad agosto, quando curo' Navalny, ricopriva il ruolo di primario del pronto soccorso di Omsk.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli