Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.795,25
    -204,88 (-1,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Il ministro uscente della Transizione ecologica spiega che addirittura “stiamo esportando”

Roberto Cingolani
Roberto Cingolani

In ua intervista a Mezz’ora in più Roberto Cingolani rassicura: “Situazione positiva per il gas in Italia”. Il ministro uscente della Transizione ecologica spiega che addirittura “stiamo esportando” . Ha detto Congolani: “In questo momento, in Italia, sul tema gas abbiamo una situazione positiva grazie alla diversificazione. Stiamo anche esportando“.

Cingolani rassicura sul gas: “Situazione positiva”

Poi il ministro del governo uscente a guida Mario Draghi ha detto: “in questo momento stiamo esportando tra i 18 e i 20 milioni di metri cubi e ci sono 40 milioni di metri cubi per gli stoccaggi”. E proprio in merito agli stoccaggi secondo Cingolani la situazione è addirittura virtuosa: “Per gli stoccaggi di gas abbiamo preso un impegno europeo di arrivare a fine ottobre al 90%. Ci siamo arrivati a fine settembre. Ora vorremmo aumentarli”.

“Per questo inverno siamo coperti”

E le prospettive? “Per questo inverno siamo coperti, al netto di eventi catastrofici tipo un clima molto rigido”. E ancora: “Nelle prossime 48 ore mandiamo la nostra proposta per ridurre il prezzo del gas e l’obiettivo comune è quello di arrivare al prossimo vertice dei capi di Stato e di governo europei di Praga il 6 e 7 ottobre con una decina di linee concordate“. Lo scopo sarebbe quello di “indicizzare il prezzo del gas agganciandolo a Borse un po’ più stabili” rispetto al Ttf che non ha nulla a che vedere con la situazione reale e con i meccanismi di domanda offerta”. Di fronte a tanta positività viene da chiedersi allora perché da fine ottobre il gas dovrebbe aumentare.